AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL’AFFIDAMENTO di Start – Storia e Arte Saluzzo

AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL’AFFIDAMENTO di
Start – Storia e Arte Saluzzo per il biennio 2020/21

Fondazione Amleto Bertoni – Città di Saluzzo – piazza Montebello 1 12037 Saluzzo
P. Iva 02681150047
Cf 94031310041
Tel 017543527
Mail – coordinamento@fondazionebertoni.it
Pec – fondazionebertoni@cert.unonet.it

Si intendono acquisire le manifestazioni di interesse da parte di operatori CULTURALI, ASSOCIAZIONI, ENTI ecc… finalizzate all’affidamento per l’ideazione e la realizzazione di Start/Storia e Arte Saluzzo 2020/2021.

Oggetto del servizio

Ideazione e realizzazione di Start/Storia e Arte Saluzzo 2020/2021

L’evento è un format che unisce le tre storiche manifestazioni artistiche dell’antica capitale del Marchesato (MOSTRA NAZIONALE DELL’ANTIQUARIATO, MOSTRA NAZIONALE DELL’ARTIGIANATO, SALUZZO ARTE), in un’offerta declinata per visitatori differenti: tecnici e appassionati d’arte, ma anche turisti e famiglie. Si mette a sistema e si creano reti culturali, che valorizzino la città, i suoi contenitori e i suoi eventi.
Start si svolge nel mese di maggio (data presunta di inizio fine aprile 2020 con un’appendice nel mese di giugno) attraverso una serie di appuntamenti e rassegne che si alternano nei diversi weekend.
Le location sono: La Castiglia – Saluzzo Arte / Mostra Nazionale Antiquariato, l’Antico Palazzo Comunale, il porticato e la Torre Civica – Premio Matteo Olivero, Casa Cavassa – Mostra Nazionale Artigianato e collaterale Mostra dell’Artigianato, Ex Scuderie Caserma Mario Musso, la Croce Nera e il centro storico, Piazza Cavour e Piazza Garibaldi, altri spazi pubblici.

Durata ipotizzata dell’affidamento

Dal primo Gennaio 2020 al 30 giugno 2021

Gli interessati dovranno far pervenire alla Fondazione Bertoni esclusivamente tramite PEC (posta elettronica certificata), all’indirizzo fondazionebertoni@cert.unonet.it entro e non oltre le ore 12.00 del giorno lunedì 28 ottobre 2019 la propria manifestazione di interesse.

Modulo – Avviso esplorativo Start

Mercatini di Natale del Marchesato: 8 e 15 dicembre tutte le info utili per gli espositori

Qui di seguito tutte le informazioni utili e documenti da caricare per poter partecipare come espositore ai Mercatini di Natale del Marchesato dell’8 dicembre a Saluzzo e del 15 dicembre a Castellar

Modalità di Partecipazione e Regolamento- I MERCATINI DI NATALE DEL MARCHESATO 2019

Tariffario e Modalità di Pagamento – I MERCATINI DI NATALE DEL MARCHESATO 2019

Domanda di Adesione COMMERCIANTI – I MERCATINI DI NATALE DEL MARCHESATO 2019

Domanda di Adesione PRODUTTORI AGRICOLI – I MERCATINI DI NATALE DEL MARCHESATO 2019

Domanda-di-Adesione-HOBBISTI-I-MERCATINI-DI-NATALE-DEL-MARCHESATO-2019

Uvernada: il programma completo

Giovedì 31 ottobre

Cinema Teatro Magda Olivero – Via Palazzo di Città 15, Saluzzo

Ore 18 – Presentazione del Progetto Suoni del Futuro Remoto
Intervengono:
Mauro Calderoni, Sindaco di Saluzzo
Paolo Verri, Direttore Fondazione Matera-Basilicata 2019
Mauro Loggia, Scuola APM
Luigi Esposito, Onyx Jazz Club Matera
Chiara Rizzi, Onyx Jazz Club
In collaborazione con Comune di Saluzzo e Scuola Alto Perfezionamento Musicale

Ore 19.30 – I tamburi a Frizione
Racconto: Il Canto Raccontato di e con Rino Locantore

ingresso gratuito

Venerdì 1 novembre

Cinema Teatro Magda Olivero – Via Palazzo di Città 15, Saluzzo

Ore 21 – SFR – Suoni del Futuro Remoto, Partitura per Orchestra e Suoni Naturali
Collettivo Onyx (Joe Johnson, Composizione e direzione / Massimo Ottoni, videoArt /Campionamenti Unibanda SFR)
In collaborazione con Comune di Saluzzo e Scuola Alto Perfezionamento Musicale

Ingresso libero

Sabato 2 novembre – mattino

Mercato di Saluzzo – centro cittadino

Jean Paul Faraut ritorna a Uvernada e si mette alla guida di un manipolo di tamburi che percorrono le vie dell’antico mercato saluzzese.
I prodotti della terra, il “mercà dle fumne”, il mercato grande e la Città di Saluzzo.

Ex Caserma Musso – Piazza Montebello 1 – Saluzzo

Ore 15.30 – Stage di Daneze a cura di Daniela Mandrile
Prenotazione obbligatoria – ingresso gratuito
Rivolgersi al 339 7950104

Pala CRS – via Don Soleri 16, Saluzzo

Dalle ore 20 – Dj set con Paolo Ferrari
Ore 21.30 – Lou Tapage
Ore 23.00 – Lou Dalfin

Piccolo artigianato e servizio bar nell’area spettacolo

ingresso unico € 8

E’ tempo di Uvernada

torna il MercAntico

Domenica 6 ottobre e domenica 10 novembre

Dalle ore 9 alle ore 18

Dopo un’estate ricca di musica, colori e tanto divertimento, siamo ormai nel vivo del ricco calendario di mostre ed eventi del Settembre Saluzzese. E con l’autunno ritorna anche il MercAntico, appuntamento immancabile per hobbisti di ogni genere.
Domenica 6 ottobre e domenica 10 novembre gli ultimi due appuntamenti del MercAntico di Saluzzo 2019, giornate attesissime dagli espositori ma soprattutto da tanti curiosi alla ricerca di affari: artigianato, hobbistica, piccolo antiquariato e tante sorprese!
E proprio per l’occasione il nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione CR SALUZZO presenta la 1^ edizione de “La bancarella – Libri per tutti!”: domenica 6 ottobre dalle 15 alle 18 davanti alla sede centrale della Cassa di Risparmio di Saluzzo – BPER Gruppo, saranno offerte alla cittadinanza e agli abitanti del territorio saluzzese copie gratuite di volumi, CD e DVD di arte, storia, letteratura e narrativa acquistati dalla Fondazione stessa negli ultimi anni.
Per grandi e piccoli ancora un motivo per venire a Saluzzo: sabato 5 e domenica 6 ottobre vi aspetta “Mattoncino Mania”!
La manifestazione, l’unica di zona organizzata in collaborazione con LEGO, occupa interamente i locali storici della ex-caserma Mario Musso e ospita la sezione Collezionisti e la sezione Juniores. Dal centro di Saluzzo sarà possibile raggiungere l’esposizione con un simpatico trenino gratuito. Organizzazione e iscrizioni a cura di Bollati Giochinfanzia.

Due domeniche per vivere il centro cittadino tra i profumi dell’autunno e il gusto delle caldarroste, in attesa della Fiera di Sant’Andrea in programma per il weekend del 30 novembre/ 1° dicembre al Foro Boario e in Via Savigliano, per salutare la stagione di lavoro nei campi, chiudere le trattative iniziate alla Mostra della Meccanica Agricola e respirare aria di tradizione e convivialità.
La manifestazione si svolgerà anche in caso di maltempo.

MercAntico Saluzzo 2019
Domenica 6 ottobre – Centro cittadino
Domenica 10 novembre – Centro cittadino

MERCATINO DI S. ANDREA: domenica 1° dicembre – Via Savigliano
Per iscrizione e abbonamenti _ mercoledì e venerdì 9.30 – 12.30 / 14.00 – 15.30

Fondazione Amleto Bertoni (Cell. 3469499587)
www.fondazionebertoni.it – segreteria@fondazionebertoni.it

DENTRO IL DISEGNO_a cura di Lóránd Hegyi

Da venerdì 11 ottobre a domenica 1 dicembre 2019

La Castiglia | Piazza Castello, Saluzzo (CN)

Inaugurazione: venerdì 11 ottobre ore 18

“A quanto pare nella società di massa l’unico individuo rimasto è l’artista” affermò Hannah Arendt. In un contesto falsato come quello contemporaneo, in cui ogni giorno il mondo è animato da tensioni e caos in una sorta di disorientamento collettivo che coinvolge gli individui, gli artisti sembrano gli unici a voler suggerire alternative autentiche, sensibili, con narrazioni basate su sistemi valoriali alternativi. Quasi una presa di posizione artistica per esprimere una resistenza alle false illusioni che animano la società di massa. L’artista ha dunque il potere e la responsabilità di inviare i propri messaggi sulle prospettive umane, creando nuove connessioni tra diversi campi ed esperienze e fornendo nuove interpretazioni alla complessità della realtà umana.
Da questa riflessione prende il via la mostra Dentro il disegno che alla Castiglia di Saluzzo dal 11 ottobre al 1 dicembre espone circa 250 disegni di 33 artisti che operano in campo internazionale sotto la curatela dal critico e storico dell’arte Lóránd Hegyi.
L’insieme dei lavori suggerisce la forte convinzione nel carattere etico e nella missione che sottintendono l’arte: trasmettere metafore visive sull’esistenza umana, attraverso un forte linguaggio espressivo che rafforza, enfatizza e sottolinea il carattere emotivo e umano dell’arte.
Infatti, come dice il curatore Lorand Hegyi, “l’impegno dell’artista contemporaneo per trovare una narrazione autentica, sincera, empatica e sensibile, si manifesta con particolare evidenza nel disegno, dove una fantasia radicale e un’immaginazione liberatoria, sovversiva, evocano nuovi nessi e prospettive tra diverse dimensioni del vissuto umano.”
La mostra non vuole avere l’intenzione di creare una omogeneità formale ed arbitraria, ma manifesta la ricca e complessa diversità del linguaggio del disegno contemporaneo. Nella nostra epoca disturbante gli artisti cercano la credibilità di una nuova narrativa sulla base dell’esperienza antropologica, con una libertà interiore e con una sovranità della sua visione profonda priva di compromessi.
A portare questo messaggio, il curatore ha voluto chiamare testimoni che operano in diverse realtà tra l’Europa (Italia, Francia, Austria, Ungheria, Germania, Romania, Albania, Slovakia) e Israele, Russia, USA, Cile, Camerun e Cina. L’Italia è rappresentata da sud a nord con una particolare attenzione alla Nuova Scuola Romana, una realtà protagonista dell’arte italiana degli ultimi decenni che dalla fine degli anni ’70 hanno segnato una generale tendenza alla rivisitazione dell’eredità del manierismo.
Sarà fatto un omaggio ad un grande protagonista dell’arte contemporanea che ha influenzato intere generazioni di artisti a partire dagli anni ’60. Si tratta di Hermann Nitsch, maestro indiscusso dell’Azionismo Viennese che ha ridefinito la potenza narrativa del disegno. A lui sarà dedicata una intera sala dello spazio espositivo della Castiglia in cui saranno esposte 2 grandi opere significative per quanto riguarda l’espressione del disegno. Dentro il disegno si tiene alla Castiglia di Saluzzo, antico cuore del potere del Marchesato dalla storia quasi millenaria, che dopo essere stato abbandonato e trasformato in carcere, è divenuto oggi sede di attività culturali del territorio. Per la mostra sarà edito dalla casa editrice Electa un libro/catalogo (distribuito in tutta Italia) con un lungo saggio del curatore Lóránd Hegyi.

 

 

Il Curatore:
Lóránd Hegyi è storico e critico d’arte. Dopo essersi dedicato in gioventù a svolgere attività accademica occupandosi di avanguardie della prima metà del secolo, inizia a lavorare come curatore di mostre contemporanee in Ungheria, Austria e Germania. Nel 1989 è a capo del
dipartimento mostre internazionali al Palazzo delle Esposizioni di Budapest. Dal 1990 al 2001 è stato direttore del Ludwig Museum di Vienna. Nel 1993 è stato curatore della mostra “L’arte contemporanea nel Centro Europa” alla Biennale di Venezia in un progetto di Achille Bonito Oliva. Nel 1993 è stato commissario della Triennale di Toyama in Giappone. Nel 1995 è stato commissario della Triennale di Scultura di Stoccarda. Nel 2000 è impegnato nella mostra “L’autre moitié de l’Europe” tenutasi al Jeu de Paume di Parigi. Nel 2003 è curatore della Biennale di Valencia. Dal 2002 al 2006 è stato direttore artistico del PAN (Palazzo Arte Napoli). Dal 2003 al 2016 è stato direttore generale del Musée d’Art Moderne di Saint-Étienne. Dal 2017 è direttore artistico del Parkview Museum di Pechino e Singapore.
Molti sono i saggi e i libri pubblicati in ambito internazionale, come ad esempio “Nuova sensibilità – Cambio del paradigma dell’arte contemporanea” (Budapest, 1983), “Avanguardia e Trans – Avanguardia – Periodisazione dell’arte moderna” (Budapest, 1996), “The Courage to be Alone – Re-inventing Narratives” (Milano, 20049; “Fragilità della narrativa – Nuovo approccio all’arte contemporanea e la Mitteleuropa come paradigma” (Milano, 2008); “Arte in Centro Europa – Malinconia, Fluidità, Sovversività” (Milano, 2010); “Contemporary Art on Show” (Milano, 2012); “Roman Opalka’s Essentiality 1965 / 1 – ∞” (Torino, 2015); “Significanti incertezze – Saggio sul disegno contemporaneo” (Torino, 2016); “Painters of Uncertainty – Remarks on Narrative in Contemporary Painting” (Milano, 2017); “Narratives in Contemporary Art” (Milano, 2018). Lóránd Hegyi ha pubblicato numerosi cataloghi di monografie curatoriali per artisti tra i quali Hermann Nitsch, Jannis Kounellis, Michelangelo Pistoletto, Giovanni Anselmo, Jim Dine, Dennis Oppenheim, Roman Opałka, Günther Uecker, Orlan, Gilbert & George, Tony Cragg, Anish Kapoor, Gianni Dessì, Georg Baselitz, Markus Lüpertz, Lee Ou-fan, Lee Kang-So, Zeng Fanzhi,  drian Ghenie.

Gli Artisti:
Marisa Albanese (italia), Ruth Barabash (israele), Radu Belcin (romania), Anya Belyat-Giunta (russia), Elzevir (francia), Valerio Berruti (italia), Davide Cantoni (italia/usa), Guglielmo Castelli (italia), Gianni Dessì (italia), Andrea Fogli (italia), Aron Gabor (ungheria), Daniele Galliano (italia), Giuseppe Gallo (italia), Ugo Giletta (italia), Allison Hawkins (usa), Dominika Horáková (slovacchia), Marine Joatton (francia), Denica Lehocká (slovacchia), Felice Levini (italia), Christian Lhopital (francia), Eric Manigaud (francia), Alois Mosbacher (austria), Hermann Nietsch (austria), Marina Paris (italia), Piero Pizzi Cannella (italia), László László Révész (ungheria), Anila Rubiku (albania),
Hubert Scheibl (austria), Marco Tirelli (italia), Barthélémy Toguo (camerun), Sandra Vásquez de la Horra (cile), Lois Weinberger (austria), Wang Yuping (cina).

Mostra Livio Politano

Presso le Antiche Scuderie anche quest’anno una mostra dedicata a un grande maestro, Livio Politano.

Ingresso gratuito, apertura dal giovedì alla domenica con i seguenti orari.
Giovedì e Venerdì 15,30/19.0
Sabato e Domenica 10.00/12,30 – 15,30/19.00

 

Mostra la Giada del Monviso

Dopo l’apertura primaverile e una chiusura estiva, riapre per tutto il mese di settembre la GIADA del MONVISO presso le Scuderie della FAB.

Una mostra per valorizzare un patrimonio archeologico locale, quello della “pietra verde” del Monviso, da riscoprire, tutelare e far conoscere poiché si tratta di un unicum a livello europeo. Nell’Europa di circa settemila anni fa, in epoca ancora preistorica, questa particolare pietra proveniente dalla zona di Oncino in valle Po e lavorata per creare asce rituali, ha percorso le vie commerciali del nostro continente poiché era ricercata come simbolo di potere e trascendenza. A riprova di questo successo, vero e proprio “fenomeno globale” ante litteram, le asce del Monviso sono state ritrovate in contesti archeologici in Danimarca, in Inghilterra e in altre regioni del Nord Europa.

La mostra sarà aperta dal 31 agosto al 29 settembre, il sabato e la domenica dalle ore 10 alle 18. Ingresso gratuito.

Per le scuole, visite guidate su prenotazione (0175 46505 – didattica@parcomonviso.eu )

C’é Fermento: gli scatti di Chiara Bruno

Le immagini raccolte da Chiara Bruno durante la decima edizione di C’é Fermento sono il modo migliore per goderci questo colpo di coda dell’estate e salutarci. Ci rivediamo l’anno prossimo con nuove idee e nuove birre!

il giovedì C’è Fermento | il venerdì C’è Fermento | il sabato C’è Fermento

 

 

La gallery del Settembre Saluzzese