4a edizione del concorso “CORIANDOLI DI FRUTTA” in collaborazione con GIROTONDO/LA LUCERNA di Via Gualtieri

Lo sguardo della Fondazione Bertoni continua ad essere proiettato ormai al prossimo anno e ai prossimi eventi. Dopo il lancio della Lotteria di Carnevale l’8 dicembre è la volta del concorso Coriandoli di Frutta.

Per il quarto anno, in occasione del Carnevale, la Fondazione Bertoni ripropone il concorso, rivolto ai bambini delle Scuole dell’Infanzia e Primarie del territorio.

Un’occasione diversa per vivere il Carnevale e permettere a tanti piccoli artisti di dare libero sfogo alla fantasia e concorrere per i premi in palio. Oltre allo spirito festoso della ricorrenza più colorata dell’anno, Coriandoli di Frutta diventa un modo per parlare di alimentazione e territorio nelle classi e si crea l’occasione per un lavoro di gruppo che rafforza e unisce i bambini, tutti rivolti verso un obiettivo comune.

Collabora al progetto, con la Fondazione Bertoni, il Corriere di Saluzzo e per il 2019 sarà il negozio di giocattoli Girotondo/La Lucerna, di via Gualtieri, a fare da punto di raccolta ed esposizione degli elaborati, oltre che ad offrire i premi in palio.

Il concorso.

Chi può partecipare: tutte le sezioni delle Scuole dell’Infanzia statali e parificate e tutte le classi della Scuola Primaria. Cosa fare: le sezioni e le classi, potranno presentare elaborati che abbiano come tema “LIBERA LA TUA FANTASIA CON IL CARNEVALE!!”

Verranno premiati i primi e secondi per entrambe le categorie (Scuola Infanzia e Primaria) con buoni validi per materiale didattico o giochi educativi del valore rispettivamente di 100 e 50 euro. Un unico vincitore per il premio del Corriere di Saluzzo: 100 euro di materiale per la classe e un abbonamento digitale per l’insegnante. Il tema del progetto, per il 2019, “libera la tua fantasia con il carnevale”, è un vero invito a sbizzarrirsi e creare un’opera in onore della festa più allegra dell’anno.

Gli elaborati delle classi potranno essere maschere, marionette, disegni, giochi di società, bidimensionali o tridimensionali; mentre i materiali saranno i più svariati, dal cartone alla cartapesta, dalla pasta di sale al pongo, ogni classe potrà utilizzare il materiale che più preferisce. Protagonista, come da tradizione, potrà essere la frutta, in particolar modo mele, pere, uva, castagne, kiwi, noci, puciu, cachi.

Torna l’invito, fuori concorso, anche per i bambini singoli: “fai la tua maschera”. Chiunque volesse partecipare producendo una mascherina, potrà portarla in negozio e riceverà subito un piccolo premio di partecipazione.

 La consegna dovrà avvenire entro e non oltre mercoledì 20 febbraio 2019 presso il negozio Girotondo/La Lucerna dove i diversi elaborati saranno esposti da giovedì 21 febbraio a martedì 5 marzo. A votarli una giuria “popolare”, che voterà attraverso un coupon ritagliabile sul Corriere di Saluzzo, e una giuria tecnica, presieduta da Ciaferlin e dalla Castellana. Il 5 marzo, in Piazza Cavour, verrà annunciato il vincitore, mentre la consegna dei premi avverrà in Fondazione Bertoni presso la Sala degli Specchi venerdì 8 marzo alle ore 16.30 durante una merenda in allegria.

Scarica il bando completo

Bando di concorso_coriandoli di frutta 2019_def

Il Carnevale delle 2 Province

Rivoli, Saluzzo e il Carnevale

Le grandi sfilate di
24 febbraio 2019 – 65° Carnevale di Rivoli
3 marzo 2019 – 91° Carnevale Città Saluzzo 2019

Fare rete, condividere, perché no, sostenersi vicendevolmente. Da qui nasce un’idea che rinnova e consolida due grandi Carnevali Piemontesi. La Città di Rivoli e la Città di Saluzzo, con i loro Enti deputati – la Pro Loco Rivoli e la Fondazione Amleto Bertoni – annunciano ufficialmente la nascita di un partenariato che non vuole essere uno scherzo carnevalesco, bensì una grande scommessa. In anni che vedono la storica manifestazione del Carnevale cambiare per mille e diversi motivi, storici e pratici in primis, è importante saper mutare, coinvolgere e costruire un evento che, nella tradizione, sappia innovare e rinnovarsi.

Il “nostro” Carnevale è storia di tradizioni, valori condivisi di amicizie, di affetti, di amore per la città, senso di appartenenza ad una comunità – scrive la Pro Loco Rivoli. I medesimi concetti stanno alla base della manifestazione saluzzese, che negli ultimi 5 anni ha poi conosciuto una nuova e curiosa declinazione, i Carrinfrutta, che segnala una grande attenzione al comparto ortofrutticolo e al territorio.
Storia, tradizione, manifestazione popolare nel senso più altro del termine, passione e sano divertimento. Ecco il mix che oggi sarà alla base delle rispettive sfilate, al di qua e al di là del confine provinciale.

Un coloratissimo vortice di stelle filanti, di coriandoli, caramelle ed allegria si sposterà tra Rivoli e Saluzzo, lungo le strade provinciali che si faranno ponte per unire due Città che stanno ai piedi delle Alpi, che aprono a vallate bellissime e ricche di gusto, laboriosità e tradizioni millenarie.

La Pro Loco di Rivoli condivide con la Fondazione Amleto Bertoni la prima edizione del “Carnevale delle due Province”. Il Carnevale è amicizia, condivisione, passione e senso di appartenenza, ma anche tanto lavoro e impegno da parte di tutti coloro che, in maniera diversa, si dedicano alla sua realizzazione. Portare avanti le tradizioni richiede anche uno sforzo di rinnovamento delle stesse ed è per questo che con entusiasmo aderiamo a questo evento che ancor di più mette in luce quanto il lavoro delle Pro Loco sia importante per la valorizzazione turistico culturale dei nostri territori, soprattutto per la trasmissione del patrimonio immateriale alle nuove generazioni.

Maria Ausilia Gulletta – Presidente Pro Loco Rivoli

 

Fare squadra e costruire reti porta a buoni risultati! Dal problema che deriva dalla competizione tra due manifestazioni all’opportunità di unirsi per dare vita ad una nuova avventura! Questo è stato il “fil rouge” che ha condotto la Fondazione Amleto Bertoni – Città di Saluzzo e la Pro Loco – Città di Rivoli a dialogare e ragionare sull’opportunità di unire in un unico concorso due storiche sfilate piemontesi. E’ così che nasce il “Carnevale delle due Province”.
Infatti in questi ultimi anni il Carnevale ha attraversato notevoli difficoltà organizzative e regolamentari, per i carristi come per gli Enti organizzatori, con il risultato di una drastica riduzione dei gruppi partecipanti ed una crescente complessità nel riuscire ad organizzare le sfilate allegoriche. La Fondazione Amleto Bertoni ha risposto con proposte, novità e buone idee. Ora questa nuova sinergia – Carrinfrutta uniti al ritorno dei carri di cartapesta provenienti dal Torinese – non potrà che dare nuova linfa ed un futuro glorioso al Carnevale di Saluzzo.

Romano Boglio – Vicepresidente Fondazione Amleto Bertoni, Consigliere delegato al Carnevale

22 dicembre – L’ombra dell’antica Torre sul campanile di San Giovanni

L’ombra dell’antica Torre sul campanile di San Giovanni: performance contemporanea di arte antica nel Solstizio invernale

Sabato 22 dicembre – Antico Palazzo Comunale – ore 9.30-11

“Performance” contemporanea di arte antica

La Fondazione Amleto Bertoni è lieta di presentare, all’interno degli eventi del Natale saluzzese, una “performance” artistica firmata Franco Giletta. Dopo la curiosità suscitata dalle foto dell’artista saluzzese un anno fa, oggi un vero e proprio evento/workshop per ascoltare, guardare e fotografare un avvenimento unico.

 

Il fenomeno della perfetta sovrapposizione dell’ombra della Torre Civica sul Campanile di San Giovanni a Saluzzo va vissuto come una vera “performance” artistica contemporanea di arte antica.
Da più di 500 anni questo fenomeno attendeva di essere conosciuto e fruito da un più vasto pubblico.
Ci viene unicamente richiesto lo sforzo di imparare a vedere e non solo guardare.
Così anche l’arte e l’architettura antica diventano contemporanee perché richiedono la nostra collaborazione, ci chiamano in un’ora, in un minuto particolare in cui dobbiamo raggiungerle. Contemporanea ne è la fruizione e la possibilità della sua riproducibilità all’infinito.

Nel periodo natalizio, in corrispondenza del solstizio d’inverno, l’antico Sol Invictus, l’ombra della Torre Civica si proietta perfettamente all’interno del campanile di San Giovanni e le due architetture diventano magicamente una nuova realtà. Come in una fantastica costruzione alla Escher, il Campanile di San Giovanni si appropria dell’anima della Torre generando una sensazione onirica di alterazione delle leggi naturali; una vera pittura solare.
Bisognerà pazientemente attendere un anno per rivederla così magica.

L’ombra della Torre nel periodo di novembre inizia a salire lungo il campanile e, con il passare dei giorni, raggiunge, nel periodo tra Natale e l’Epifania, la perfetta sovrapposizione. Poi nel periodo successivo, lentamente, ridiscende lungo il campanile medesimo, generando un fenomeno “fecondo” di suggestioni e interpretazioni.
Questa danza di luci e di ombre va, a mio parere, letta nel significato positivo della vittoria della luce sulle tenebre, così come lo è nella tradizione cristiana del Natale che cade proprio nei giorni del solstizio invernale.
Insomma, senza voler scomodare Platone o Jung, senza la percezione dell’ombra non avremmo la consapevolezza dell’essenza della luce.
Ad oggi non abbiamo riscontri di attendibilità storica che ci dicano se questa perfetta sovrapposizione e corrispondenza tra elementi architettonici dell’ombra e del campanile siano voluti o frutto del caso. Se di caso si tratta…si tratta di una caso fortunatissimo…una sovrapposizione così perfetta rappresenta un unicum in Italia per tipologia.
Ma gli elementi di suggestione che possono propendere nel farlo considerare un effetto voluto sono molteplici, a partire dal periodo dell’anno in cui avviene, legato al solstizio di inverno, al pagano Sol Invictus, e al Natale cristiano.
Insomma se, da storici, dobbiamo considerarlo una fortunata “sovrapposizione” di eventi, analizzando con attenzione tutti gli indizi rimane un grande spazio per suggestioni legate alla volontà dell’effetto dell’ombra.
Non dimentichiamo che la conoscenza esoterica, una cultura sapienziale diffusa in una seppure ristretta élite di personalità, trapela con forza in più architetture e opere artistiche, di epoche anche diverse, su tutto il territorio dell’antico Marchesato.
Come molti studiosi della simbologia hanno da sempre evidenziato, si va dai segreti solari e dalle architetture con anasimmetrie mimetizzate dell’Abbazia di Staffarda, alla sala del sogno pagano della Fontana della Giovinezza nel Castello di Manta, fino alle fantastiche grottesche del Castello di Lagnasco. Quasi percorsi iniziatici riservati, all’epoca, a pochi eletti che dovevano saper vedere oltre l’immagine.
La Torre poteva servire come strumento di misurazione del tempo, delle stagioni e come privilegiato osservatorio astronomico; una enorme meridiana non solo del tempo ma anche della cultura.

Seguendo queste suggestioni l’antica sapienza dei costruttori potrebbe trovare nell’ombra della torre un fantasmagorico esercizio, un rompicapo astrale. Ora quella sovrapposizione, come una sveglia, risuona in noi. Nell’epoca della riproducibilità può diventare un turistico richiamo iconico all’arte di Saluzzo la cui bellezza non finirà mai di meravigliarci e sorprenderci. E’ una “performance” di architetture che, grazie alla luce, diventano dinamiche… il campanile di San Giovanni, simbolo del potere spirituale, “abbraccia”, fino a contenere perfettamente in tutte le sue parti, l’ombra della torre, simbolo del potere temporale che, almeno in questo periodo natalizio, sembra così volersi fare più “piccola e bassa” come a “mettersi in ombra” … quasi a voler omaggiare il Natale.
Chi costruì l’ultima parte della Torre si divertì a rappresentare in un “gioco” questa danza, questa performance luminosa dei campanili? Quasi a voler imitare un gioco dinamico di ombre cinesi la silhouette si muove, appare, diventa potente e poi scompare nuovamente, senza peso, come un soffio di vento.
Il bello sta nel fatto che la perfetta sovrapposizione dura pochi istanti…un attimo che fugge e occorrerà aspettare nuovamente un anno per rivederlo con le stesse modalità.

Franco Giletta

 

Ingresso gratuito

LOTTERIA di CARNEVALE 2019 VINCI IL GUSTO DELLE “TERRE DEL MONVISO”

Con l’inaugurazione del Villaggio del Natale partirà anche la vendita dei biglietti della Lotteria di Carnevale 2019. Puntuali come tutti gli anni l’8 dicembre, proprio al Villaggio di piazza Cavour, si potranno acquistare i biglietti che potranno così diventare, perché no, un regalo originale per questo Natale.

L’idea è quella di continuare ad offrire premi che sappiano regalare la scoperta del nostro territorio attraverso il gusto e piccole escursioni. Il tema, nonché titolo della lotteria, sarà “Vinci il Gusto delle Terre del Monviso”.

I premi saranno 10, i biglietti saranno in vendita presso esercenti della città convenzionati (riconoscibili da una locandina) e per mano di alcuni giovani collaboratori della Fondazione. Il costo del singolo biglietto è di 2 euro.

L’ estrazione avverrà in Piazza Cavour alle ore 16 di martedì 5 marzo 2019, Martedì Grasso.

Come da regolamento il ritiro dei premi dovrà avvenire entro il 30 giugno 2019, oltre tale data i vincitori perderanno il diritto sui premi che verranno devoluti in beneficenza.

Ma andiamo a conoscere i 10 ottimi motivi per acquistare almeno 1 biglietto.

Torna il Carrello di Ciaferlin come primo premio: un carrello della spesa ricco e di grande qualità con una selezione di prodotti scelti direttamente dall’Atlante dei Sapori del territorio di MOVE.

6 vallate alpine e splendide città d’arte ai piedi del Monviso da scoprire passeggiando, camminando, e perché no, anche gustandone i prodotti tipici. La scelta dei prodotti del carrello, infatti, è rappresentativa proprio di ogni vallata e della pianura di cui Saluzzo fa parte.

 

1° PREMIO

Il Carrello di Ciaferlin delle Terre del Monviso” e il suo ricco contenuto

1 PROSCIUTTO CRUDO DI CUNEO DOP (circa 8 kg)

1 forma CASTELMAGNO DI MONTAGNA DOP (circa 5 kg) – Valle Grana

SALAME CRUDO VIVIANO (2,5 kg) – Valle Varaita

SALAME CRUDO I PORCI COMODI (2,5 kg) – Valle Varaita

SALSICCIA SECCA VIVIANO (1,5 kg) – Valle Varaita

LARDO ALLE ERBE BRIZIO (3,5 kg) – Valle Varaita

TROTA AFFUMICATA SALMONATA I LAURI (2 pezzi) – Valle Stura

TROTA AL MOSCATO I LAURI (2 pezzi) – Valle Stura

TROTA SALMONATA GRIGLIATA I LAURI (2 pezzi) -– Valle Stura

TOMA DI ELVA CASEIFICIO ELVESE (2,5 kg) – Valle Maira

TOMA DAL BOT (2 kg) CASEIFICIO VALVARAITA

TOUMIN DAL MEL (2 kg) CASEIFICIO VALVARAITA

SUCCO DI MELA DELLA VAL BRONDA baginbox 5l. (5 pezzi)

LE BATAJE DI CASA VINCENTI (3 kg) – Barge, Valle Infernotto

CIOCCOLATINO PERSIPIEN (2 kg) – Lagnasco

MIELE ASSORTIMENTO VARIO (5 kg) – Valli diverse

CREMA D’AJ D’ CARAJ – FATTORIA DELL’AGLIO (4 pezzi) – Valle Grana

ASSORTIMENTO DI TISANE BIO – VALVERBE (12 pezzi)  – Valle Varaita

FARINA DI POLENTA PIGNULET – MOLINO DELLA  RIVIERA (10 kg) – Valle Maira

RISO DELL’ABBAZIA (5 kg) – Staffarda

RAVIOLES DELLA VAL VARAITA – MB PASTIFICIO (5 kg)

GENEPY DEL PIEMONTE IG 1l. (2 pezzi) – Ciliegi Selvatici Valle Stura e Maira

TONNO di GALLINA BIANCA DI SALUZZO (3 pezzi)

PACCO FAMIGLIA 10 kg CARNE COALVI

SUCCHI DI FRUTTA MISTI GOI FRUIT (12 pezzi) – Lagnasco

ZAFFERANO DEL MONVISO (2 pezzi) – Valle Po

LUMACHE DEL MARCHESATO in latta (1 kg)

FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE (5 kg) – Valli diverse

PATATE DI MONTAGNA (10 kg)

TRASFORMATI DI VERDURE – L’ASPARAGO DOLCE DI REVELLO (1 pezzo)

ASSORTIMENTO BIRRA ARTIGIANALE – BIRRIFICIO DELLA GRANDA (6 bottiglie 75cl. Cad)

ASSORTIMENTO BIRRA ARTIGIANALE – BIRRIFICIO KAUSS (6 bottiglie 75 cl. Cad)

ASSORTIMENTO BIRRA ARTIGIANALE – BIRRIFICIO ANTAGONISTI (12 bottiglie 33 cl. Cad)

ASSORTIMENTO VINO COLLINE SALUZZESI (12 bottiglie)

 

2° PREMIO

Una notte al Castello – valido per due persone

1 notte con colazione presso Castello Rosso di Costigliole Saluzzo, una cena romantica presso  il ristorante del castello, tessera musei nominativa e valida 12 mesi con ingresso a Museo Casa Cavassa, salita alla Torre Civica, ingresso alla Castiglia.

3° PREMIO

Gusto e Natura in Valle Stura – valido per due persone

Cena tipica al ristorante, pernottamento e ricca colazione; escursione di mezza giornata accompagnati dalla guida naturalistica. Un’esperienza breve ma intensa lunga due giorni: un’immersione nella natura e nella cultura di una valle in grado di sorprendere sempre il visitatore sia a tavola che lungo i meravigliosi sentieri. Si inizia a “gustare la valle” con una cena sublime a base di prodotti tipici: l’agnello sambucano, la frutta e la verdura coltivate nelle piccole aziende, i formaggi dei caseifici, la vitella piemontese, le trote del fiume Stura, la selvaggina di cacciagione, i ravioloni di spinaci e funghi, i tagliolini e i “cusset” (la tipica pasta fatta in casa della Valle Stura). Pernottamento, colazione a base di pane, marmellate, miele e dolci della casa e partenza per il trekking di mezza giornata sui sentieri e le strade sterrate con guida ambientale alla scoperta dei piccoli borghi abbandonati, delle chiesette e della straordinaria natura fatta di cascate, boschi, animali, fiori, piante e …. la storia di un intero popolo di montagna da raccontare.

4° PREMIO

Rifugi & Locande: dormi in Valle – valido per due persone

Cena tipica “alpina”, pernottamento e ricca colazione. Nel meraviglioso contesto delle valli occitane si trovano locande, affittacamere, rifugi e bed & breakfast molto accoglienti, spesso completamente recuperati all’interno delle vecchie borgate della valle costruite in legno e pietra. A scelta tra le strutture e locande tipiche delle 6 valli VisitMove.

5°PREMIO

Splendida Valle Maira: il sentiero dei ciclamini – valido per due persone

Visita guidata in compagnia di guida naturalistica alla scoperta del sentiero e delle sue meraviglie, pranzo al sacco con prodotti tipici della valle km 0. Itinerario di mezza giornata lungo il Sentiero dei Ciclamini (da aprile a metà giugno, da fine agosto ad ottobre, 200 m dislivello). Su questa antica strada medievale, che fa un giro ad anello, tante saranno le sorprese: a partire dall’incontro di rare essenze floreali come orchidee e… per l’appunto, ciclamini (Cyclamen purpurascens). Per poi toccare anche il lato storico e culturale della Valle Maira con l’antica coltivazione dell’uva bianca, la lavorazione della canapa e il commercio delle acciughe; nonché artistico perché si passerà in un centro abitato di Camoglieres che conserva affreschi del pittore itinerante di inizio ‘800 Giors Boneto e la chiesa di San Pietro che è uno dei fiori all’occhiello della Valle Maira perché cela al suo interno un ciclo di affreschi di inizio ‘400 tra i quali la rara “danza macabra”.

6° PREMIO

Bike & Taste: Re Castelmagno – valido per due persone

Accompagnamento della guida cicloturistica per mezza giornata lungo le strade della valle, degustazioni di formaggio, visita alla cantina di stagionatura. La Valle Grana si configura come un paradiso gastronomico usufruibile in molteplici maniere: una di queste è la bicicletta. Il tour si svolge su terreni pressoché pianeggianti tra campagne e colline coltivate, con più tappe dedicate alla visita del territorio ed alla scoperta del suo patrimonio gastronomico. Agricoltura biologica, formaggio Castelmagno, tartufo nero e zafferano si alternano con cappelle affrescate, edifici storici, bellezze naturalistiche di pregio.

7° PREMIO

Trekkin’Grana in notturna con racchette da neve – valido per due persone

Escursione in Valle Grana, accompagnatore naturalistico, cena in locanda tipica della valle. Percorsi facili e adatti a tutti, trekking in notturna con racchette da neve o senza (a seconda delle condizioni meteo). Al termine del tour cena tipica in una delle locande della valle. Le date dei trekking sono prestabilite e contemplano fantastiche gite: al Monte Tabone, al Rocca Stella, all’Alpe Chastlar alle Grance Sarià.

8° PREMIO

Una notte al Rifugio Galaberna (Valle Po) – valido per due persone

1 pernottamento in camera doppia con colazione nel rifugio (raggiungibile in auto), ingresso al «Museo etnografico e bosco incantato» di Ostana, ingresso al Parco Galavventura (per adulti e bambini) con tyrolienne, ponte tibetano, il trabocchetto e le altalene oscillanti.

9° PREMIO

Saluzzo a tutta birra – valido per due persone

1 pernottamento in camera doppia con colazione in B&B a Saluzzo; degustazione guidata di birra – aperitivo al Baladin Cafè.

10° PREMIO – Trolley Bagaglio a mano

IL TUO NATALE A SALUZZO _ dal 2 dicembre 2018

I Mercatini di Saluzzo e Castellar, il Villaggio del Natale
e un ricco programma di eventi ci accompagnerà fino a Natale …

Accese le “luminarie” è ora di pensare solamente al Natale!

• Tanti eventi per i bambini e le loro famiglie con animazioni, gli animali da cavalcare, clown, musica e cori
• Dal 9 al 24 dicembre, il Villaggio del Natale in Piazza Cavour – inaugurazione sabato 8 dicembre
• I Mercatini: sabato 8 dicembre a Castellar, domenica 9 dicembre a Saluzzo

Natale a Saluzzo

Una città intera che si veste a festa, si illumina e a partire da fine novembre si prepara per il giorno più atteso dell’anno da grandi e piccini, il Natale.
Il grande lavoro di rete e di coordinamento che negli ultimi anni viene svolto dall’amministrazione comunale con la Fondazione Bertoni, da Confcommercio con i commercianti, dalle Associazioni, Scuole e ragazzi, dà vita ad 1 mese intero di eventi di qualità che sapranno accogliere i visitatori e chi sceglierà Saluzzo per lo shopping natalizio, o per trascorrere una giornata o un fine settimana “fuori porta”.
Due mercatini e il Villaggio del Natale, le luci, musica e cori, arte, clownerie e caldarroste.
Gli animali da scoprire e le giostre con la pista di pattinaggio su ghiaccio. Un mix che saprà rendere Saluzzo unica e bellissima.

Il Villaggio di Piazza Cavour

Sarà la Banda cittadina di Babbi Natale della Città di Saluzzo a inaugurare il Villaggio del Natale, sabato 8 dicembre alle ore 18.30. L’invito però, per tutti parte già dal mattino: non per Saluzzo ma per la vicinissima Castellar.
Un mercatino sulla collina, con bancarelle di articoli artigianali natalizi e musica, un pasta party al pomeriggio e uno spettacolo pirotecnico alle 17.30 per concludere. Finito lo spettacolo in pochi minuti tutti potranno essere a Saluzzo in piazza Cavour proprio per il momento inaugurale del Villaggio.

Musica, allegria, le casette e la presentazione della Lotteria di Carnevale 2019. Anche quest’anno, infatti, sarà proprio la giornata dell’8 che darà il via alla vendita ufficiale dei biglietti della lotteria di Carnevale: tra poche settimane tutti avranno modo di conoscere il tema e i ricchi premi in palio. Ma torniamo al Villaggio.
22 casette che ospiteranno tutto ciò che serve per un’idea regalo originale. I prodotti saranno tutti artigianali, particolari, ci saranno anche prodotti tipici del mondo enogastronomico oltre che a oggetti diversi: borse, sciarpe, orecchini, libri e molto altro. Ma non solo. Il Villaggio si animerà di espositori e acquirenti ma anche di

musica, laboratori, trucca bimbi, scultori … e poi sarà bellissimo e magico con tappeti rossi, musica diffusa e luci.
Diventerà un piccolo angolo natalizio nel centro cittadino che aprirà ogni giorno dalle ore 10 alle 20, un luogo di incontro dove respirare l’atmosfera del Natale fino al 24 dicembre.
E per arrivare a Natale ecco le iniziative e gli spettacoli che ci terranno compagnia nell’attesa: un piccolo “calendario dell’avvento” fatto di eventi.

Eventi da non perdere? Giacomino Pinolo in scena con il suo Meskla Magica, la Banda della Città di Saluzzo in versione natalizia, Dino Tron e le sue cornamuse, Franco Giletta e la magia del Solstizio.
La Scuola APM con Chiara Rosso porterà in piazza l’immancabile VOCAL LAB – CORO DELLE VOCI BIANCHE.
Ma anche alcune belle sorprese.

 

Scarica il pieghevole-2018-web

Segui l’evento Facebook
IL TUO NATALE A SALUZZO

Per info: www.fondazionebertoni.it – segreteria@fondazionebertoni.it
Tel. 0175/43527 – 346/9499587

La FIERA di Sant’Andrea a Saluzzo: 24 e 25 novembre 2018, foro Boario e via Savigliano

Sabato 24 novembre 2018 – dalle ore 8.00 – Foro Boario, Saluzzo
Domenica 25 novembre 2018 – dalle ore 9.00 – Via Savigliano, Saluzzo

Un fine settimana dedicato alla tradizione, alle famiglie, alla condivisione, con l’accensione delle luci di Natale in città, i primi acquisti natalizi e con una bella novità: Qua la Zampa!
L’ultimo sabato di novembre da sempre a Saluzzo si celebra Sant’Andrea. Una Fiera a lui titolata che racchiude, in una giornata e mezza, un saluto alla stagione del lavoro nei campi attraverso la tradizione, i mercati, la musica e l’incontro. Ma andiamo con ordine.

Si parte sabato 24 novembre il mattino presto al Foro Boario con una piccola mostra della meccanica agricola, del vivaismo frutticolo e un mercato dell’utensileria agricola e merci stagionali. 5 ore per guardare, prendere un caffè e chiacchierare del raccolto, della stagione appena conclusa, della terra e della produzione, con lo sguardo attento alle ultime novità e già proiettato al nuovo anno e ai nuovi lavori. Il Foro Boario si anima nuovamente con una piccola mostra che conta quasi un centinaio di espositori e diversi commercianti di paglia e fieno. Dalle 8 alle 13 e poi un caldo pranzo autunnale nell’attesa della giornata successiva.

Anche domenica 25 novembre si scende in strada presto!
Via Savigliano si veste a festa e diventa protagonista indiscussa della città insieme alla vicina Piazza Buttini.
Tutta la giornata una Piccola Fiera che proporrà numerosi e diversi prodotti, dall’enogastronomia all’oggettistica, per i primi regali di Natale. Una decina di produttori del Mercato della Terra si aggiungeranno ai commercianti, per offrire i prodotti delle nostre valli e farli conoscere al pubblico. Non mancheranno le caldarroste, la musica con “I suonatori del saluzzese” che scalderanno l’atmosfera con sonorità occitane e uno spettacolo per i bambini con il Mago Smith e il Clown Bolla.
E poi una gran bella novità. Qua la zampa!, questo il nome “dell’evento nell’evento” che vedrà protagonisti i nostri amici a 4 zampe. In collaborazione con i Centri Cinofili De Lupis e BaulaB e con la ditta Monge, dalle 10.30 del mattino circa, invitiamo tutti, grandi e piccoli amanti dei nostri amici “pelosi”, a venire in Piazza Buttini. Ci saranno dimostrazioni di agility e mobility e anche attività ludiche in interazione con i bambini. Inoltre Ferruccio Giordanengo in compagnia delle “famose” Luna e Stella (i suoi border collie) ci faranno compagnia tutto il pomeriggio con spettacoli e passeggiate tra le bancarelle e il pubblico. Dalle 15 alle 16 un percorso-gara amatoriale aperto a chiunque abbia un cane, vedrà l’aggiudicarsi di ricchi premi offerti dalla Monge Mangimi.

• L’iscrizione potrà avvenire nella giornata stessa, in piazza, nell’ora antecedente la gara e avrà un costo di 2 €: l’invito è rivolto a tutti e i titoli dei premiati sapranno far sorridere animali e padroncini.
Il cane più pasticcione, quello più rotondetto o quello più accigliato … il cane che più assomiglia al suo padrone? (… ci stiamo ancora pensando, comunque è questo è il canovaccio che ci siamo dati per scherzare e fare di una gara a 4 zampe un bel momento di condivisione)
Oltre ai Centri Cinofili sarà presente l’Associazione Compagni di Cuccia che in collaborazione con il Rifugio la Cuccia raccoglierà cibo e coperte per l’inverno.

Nel pomeriggio una “Merenda da puciu”, offerta dagli esercenti di Via Savigliano. Una giornata organizzata dalla Fondazione Bertoni con l’amministrazione comunale in collaborazione con i commercianti della via e la Confcommercio, una bella anteprima per i festeggiamenti natalizi che partiranno proprio sabato 24 con l’accensione delle luci di Natale in città.

  • Sant’Andrea e l’Agriarmonia

In via Savigliano sarà presente la Cooperativa Sociale Armonia onlus di Saluzzo che, in collaborazione con la Fondazione Amleto Bertoni, propone un modo diverso per fare i regali del Natale. LE COSE BUONE è un’iniziativa che vede protagonisti i ragazzi seguiti dalla Cooperativa e che offre loro la possibilità di impegnarsi nella cura della Terra.

“Le Cose Buone”: un’idea semplice per sostenere il nostro “lavoro sociale” è la vendita di prodotti del territorio delle Terre del Monviso confezionati con “gusto” da squadre composte da Educatori e ragazzi disabili. Il contributo che deriva dalla vendita di queste confezioni “natalizie” è destinato ai laboratori di AgriArmonia, che si svolgono nel Parco di Villa Luppo a Saluzzo, rivolti a ragazzi e ragazze con disabilità. Nuove esperienze che attraverso la formazione, la relazione, la cura e la coltivazione della terra, costruiscono opportunità di crescita e di lavoro.

Il Progetto vuole essere al contempo un’iniziativa di comunicazione del lavoro sociale e educazione alimentare, per stare bene e anche per fare del bene!

Durante la giornata laboratorio per bambini: “crea la tua decorazione per l’albero”.

LeCoseBuone_catalogo_2018_webLeCoseBuone_lettera_2018_web

LeCoseBuone_lettera_2018_web

Da questo ultimo weekend di novembre non ci si ferma e ogni fine settimana la città, oltre che essere illuminata a festa, sarà animata con musica, carrozze, altri mercatini nei quartieri e in centro e con il Villaggio di Natale fino al 24 dicembre.

MercAntico: le date del 2019

Ecco le date del prossimo anno:

domenica 10 marzo 2019 – MercAntico al coperto, Antiche Scuderie Fondazione Bertoni
 domenica 22 aprile 2019 (Pasquetta) – MercAntico in Piazza Garibaldi
 maggio 2019 (data da definire) – Svuota la Cantina
 giugno 2019 (data da definire) – MercAntico centro cittadino
 domenica 6 ottobre 2019 – MercAntico centro cittadino
 domenica 10 novembre 2019 – MercAntico centro cittadino

Il Villaggio del Natale & i Mercatini _ 9/24 dicembre 2018 _ Tutti gli eventi !

I mercatini, il villaggio, gli eventi

e tre settimane per avvicinarsi alla festa più dolce dell’anno

 

Sabato 8 dicembre, Mercatino di Natale di Castellar

Sabato 8 dicembre, inaugurazione del Villaggio di Natale di Saluzzo (Piazza Cavour) ore 18,00 e aperto fino al 24 dicembre 2018

Domenica 9 dicembre, Mercatino di Natale per le Vie della Città a Saluzzo

Per partecipare al Natale a Saluzzo è possibile scaricare la modulistica

Richiesta di partecipazione Natale 2018

 

IL TUO NATALE A SALUZZO 

Dal 24 novembre al 24 dicembre 2018

 Dal 24 novembre le Luci del Natale

Protagonisti nei fine settimana i bambini con le loro famiglie con animazioni, gli animali, musica e cori

Dal 9 al 24 dicembre, il Villaggio del Natale in Piazza Cavour – inaugurazione sabato 8 dicembre

I Mercatini: sabato 8 dicembre a Castellar, domenica 9 dicembre a Saluzzo

 

Anche quest’anno Comune di Saluzzo, Confcommercio e Fondazione Amleto Bertoni hanno coordinato le numerose iniziative per regalare una suggestiva atmosfera natalizia alla città. Due mercatini e il Villaggio del Natale oltre a numerosi eventi che costelleranno un mese intero, dal 24 novembre al 24 dicembre.

Le luci, il Villaggio, musica e cori, clownerie e caldarroste. I mercatini e gli animali. Le giostre e la pista di pattinaggio su ghiaccio. Un mix che saprà rendere Saluzzo unica e bellissima, ma andiamo con ordine.

Si parte sabato 24 novembre con l’accensione delle luci di Natale e a seguire una giornata, quella di domenica 25 novembre, dedicata ai primi acquisti natalizi con la piccola Fiera di Via Savigliano. I bambini e le famiglie saranno più che mai i protagonisti: oltre alla piccola fiera con produttori agricoli, bancarelle di enogastronomia, oggettistica e articoli regalo, la giornata sarà dedicata ai nostri amici a 4 zampe. Un simpatico concorso, dimostrazioni di agility dog e uno spettacolo attesissimo con protagonista un famoso border collie, saranno gli ingredienti di una giornata indimenticabile.

Quest’anno gli animali diventano i protagonisti e sapranno accogliere grandi e piccini facendo vivere momenti indimenticabili.

Domenica 2 dicembre i negozi saranno aperti e ci si potrà muovere, nel basso centro cittadino, in groppa agli asinelli o sulla carrozza dei cavalli.

Sabato 8 dicembre avrà inizio ufficialmente il Villaggio del Natale a Saluzzo e sarà la giornata dove, Castellar piccolo centro a pochi chilometri da Saluzzo, ospiterà per tutta la giornata un mercatino di Natale nelle viuzze di collina.

Terminata la gita fuori città si tornerà poi tutti in centro in Piazza Cavour, per l‘inaugurazione del Villaggio del Natale alle ore 18 con musica, dolci sorprese e la presentazione della ricca lotteria del Carnevale 2019. E il Natale a Saluzzo avrà così il via ufficiale.

Saranno 22 le casette di legno, che ospiteranno per 2 settimane prodotti tipici e artigianato, idee regalo ma anche musica, laboratori, luci e tappeti rossi, con Babbo Natale protagonista indiscusso. I locali intorno sapranno offrire il resto: dolci, colazioni, cioccolate e bevande calde per allietare le giornate di shopping natalizio.

Il giorno successivo, domenica 9, sarà infatti la volta del mercatino a Saluzzo. Oltre 100 gli espositori che si dislocheranno da Piazza Risorgimento, Corso Italia e Corso Piemonte con tappa obbligata in Piazza Cavour al Villaggio.

Una giornata intera dedicata allo shopping, curiosando tra le bancarelle e i negozi

Anche qui gli animali: questa volta saranno i gatti ad accogliere il pubblico con simpatici spettacoli e poi artigiani del legno e la musica come sottofondo che non può mancare.

E le animazioni proseguiranno nei weekend successivi fino al 24 dicembre: clown, la fiera di Piazza Garibaldi domenica 16 per tutta la giornata, il mercato cittadino tutto il giorno sabato 22,  cornamuse e laboratori rock.

Scarica il programma completo pieghevole-2018-web_DEFINITIVO

 

 

 

 

MercAntico _ domenica 18/11 si scende in strada … poi le date del 2019

Ultima data MercAntico 2018
18 novembre – dalle 9 alle 19

Saluzzo, centro cittadino

Eccoci giunti all’ultima data per il 2018 del MercAntico, il mercatino dell’usato, hobbistica, piccolo antiquariato e artigianato che negli anni ha saputo affermarsi tra i migliori mercatini della provincia.

Il MercAntico chiude con una data “novembrina” domenica 18, l’ultima di 5 nel centro cittadino. Quest’anno si è voluto sperimentare puntando ad inserire novità in un percorso ben definito e dai buoni risultati: per la prima volta infatti si è avuto un mercatino al coperto nelle Antiche Scuderie, un’idea vincente che ha visto il sold out degli spazi espositivi disponibili e un grande afflusso di visitatori. Altro appuntamento sempre atteso, che sicuramente verrà riconfermato per il 2019, lo Svuota Cantine nell’alto centro storico. Introdotto nel 2015, ogni anno conta un numero crescente di partecipanti, le viuzze ciottolate si animano di visitatori e di un vociare festoso: un’occasione diversa per vivere il centro storico e per disfarsi di oggetti che si accumulano nelle nostre case.
E arriviamo così all’ultima data dell’anno: nuovamente protagonista il basso centro cittadino Corso Italia, Via Silvio Pellico, Via Ludovico, l’Ala di Piazza Cavour e il rialzo di Piazza Garibaldi.
Un centinaio le bancarelle degli espositori (in primavera ed estate quest’anno si sono anche superati i 130!).
Le domeniche del Mercantico negli anni sono diventate un ottimo richiamo per i turisti: un pranzo tipico, una passeggiata in centro e una visita ai musei cittadini, oltre a piccoli grandi affari che ognuno di noi può fare curiosando tra gli oggetti da collezione, stoffe e ceramiche antiche, stampe e vinili, gioielli e capi di abbigliamento vintage.

A fine mese, domenica 25 novembre, ancora un mercato extra, quello di Via Savigliano. Un’intera via in festa con una piccola Fiera, un nuovo evento dedicato ai nostri amici a 4 zampe, e animazioni per grandi e piccini per tutta la giornata. Dicembre inaugurerà con un doppio Mercatino di Natale, sabato 8 a Castellar e domenica 9 a Saluzzo mentre il Villaggio di Natale di Piazza Cavour ci accompagnerà fino alla vigilia.

Per il MercAntico dovremo aspettare il 2019. Ecco in anteprima le date del prossimo anno:

 

domenica 10 marzo 2019 – MercAntico al coperto, Antiche Scuderie Fondazione Bertoni
domenica 22 aprile 2019 (Pasquetta) – MercAntico in Piazza Garibaldi
maggio 2019 (data da definire) – Svuota la Cantina
giugno 2019 (data da definire) – MercAntico centro cittadino
domenica 6 ottobre 2019 – MercAntico centro cittadino
domenica 10 novembre 2019 – MercAntico centro cittadino

A Saluzzo il Salone dell’Orientamento Saluzzese il 16 e 17 novembre 2018

Il salone dell’orientamento nasce come forma di presentazione dell’offerta formativa delle scuole del saluzzese. Una forma differente da quella collaudata negli scorsi anni, per offrire una miglior possibilità ai ragazzi che frequentano la terza media e alle loro famiglie , di incontro con le realtà presenti, per approdare alla scelta scolastica più consona.

L’obiettivo, è quello di permettere ai giovani di incontrare insegnanti ed orientatori, per poter esprimere dubbi, porre domande e chiedere informazioni, in un contesto in cui contemporaneamente, le scuole sono presenti.

Il Salone si svolgerà a Saluzzo, presso le antiche scuderie della ex Caserma Mario Musso, oggi polo  multifunzionale del territorio, nelle giornate di venerdì 16 novembre 2018 dalle 14.30 alle 18.30 e sabato 17 novembre dalle 9.00 alle 12.30 ed il pomeriggio dalle 14.00 alle 18.00.

Ogni giorno, prima dell’inizio delle esposizioni delle scuole, avverrà la presentazione del Progetto “Obiettivo Orientamento”.

Venerdì invece dalle ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Salone dell’Orientamento Scolastico Saluzzese si terrà l’incontro interattivo “Orientarsi tra competenze, sfide e nuove tecnologie” a cura del Dott. Antonio Cajelli durante l’incontro verranno affrontati i seguenti temi: come sta cambiando il lavoro per effetto di fenomeni nuovi e poco conosciuti (la tecnologia, la globalizzazione), l’importanza della formazione scolastica e ultrascolastica, gli atteggiamenti alla ricerca del lavoro (imprenditività, resilienza) ed esempi concreti di orientamento sulle capacità trasversali.

Al salone saranno presenti gli stand delle scuole del territorio saluzzese (Saluzzo, Barge e Verzuolo) aderenti al progetto regionale Obiettivo Orientamento Piemonte, presente anch’esso con uno specifico spazio promozionale per illustrare i servizi di orientamento regionali a supporto delle scelte consapevoli.

È inoltre previsto uno spazio conferenze, dove si svolgeranno le presentazioni delle varie scuole, secondo la seguente scaletta:

Venerdì 16 novembre
ore 15.00 LICEO SOLERI – BERTONI
ore 15.30 IST. DENINA
ore 16.00 IST. AGRARIO
ore 16.30 IST. ALBERGHIERO
ore 17.00 AFP – CNOS
ore 17.30 LICEO BODONI

 

Sabato 17 novembre
ore 9.30 AFP – CNOS
ore 10.00 IST. DENINA
ore 10.30 LICEO SOLERI – BERTONI
ore 11.00 LICEO BODONI
ore 11.30 IST. ALBERGHIERO
ore 12.00 IST. AGRARIO

——————————-

ore 14.30 AFP – CNOS
ore 15.00 IST. AGRARIO
ore 15.30 IST. ALBERGHIERO
ore 16.00 IST. DENINA – PELLICO
ore 16.30 LICEO BODONI
ore 17.00 LICEO SOLERI – BERTONI