Mercantico: si riparte dall’ex caserma Musso 🗓 🗺

Dopo il successo della prima edizione, il MercAntico 2019 riparte da una versione “al coperto” dell’evento che Saluzzo dedica ad artigianato, antiquariato e usato. Domenica 10 marzo le Antiche Scuderie Fondazione Amleto Bertoni apriranno le porte al MercAntico, per la seconda edizione indoor con oltre 80 spazi espositivi. Il nuovo assetto degli spazi della Fab, infatti, permettono la realizzazione di un mercato lineare, al coperto e riscaldato, “lungo” gli spazi mostra e le scuderie.

Un giorno tutto dedicato al pubblico. Un ber interno, l’accoglienza con il Vespa Club Verzuolo nel cortile della Fondazione (pezzi d’epoca e vespe da collezione) e le bellissime 500. Molti espositori, che giungono persino dalla Liguria, nuovi e con pezzi non ancora visti a Saluzzo. Una Fondazione accogliente che con 2.500 metri quadrati offre una ricca anteprima della tradizionale vetrina di Pasquetta. Le Scuderie della Fondazione Bertoni accoglieranno collezionisti e visitatori con centinaia di pezzi d’artigianato, vintage e di pregio. Dalla bigiotteria Anni ’60 ai mobili antichi restaurati, dagli introvabili dischi in vinile a pezzi di modernariato di indubbio valore, arrivando fino a vecchie stampe, libri, cartoline e ceramiche.

Vespa Club Verzuolo _ Quando il Vintage scende in strada, le due ruote della storica Vespa non possono mancare! E così, domenica 10 marzo, in occasione della manifestazione MercAntico che si terrà a Saluzzo in Piazza Montebello 1, presso le Antiche Scuderie FAB, il Vespa Club Verzuolo esporrà una serie di Vespa depoca per mostrarvi più da vicino la bellezza e il fascino dell’inconfondibile mito, potrete ammirare la rarissima Vespa 98 del 1946! Questo appuntamento vi darà la possibilità di conoscere anche le attività del nostro Club per la stagione vespistica che sta per iniziare, in particolare si potrà scoprire il programma del Vespa raduno internazionale del Marchesato che quest’anno vedrà protagonista la città di Saluzzo con le sue bellezze storico/artistiche. In tale occasione sarà altresì possibile procedere con il tesseramento per l’anno 2019, comprensivo di tessera Vespa Club Italia e gadget. Collabora alla buona riuscita dell’evento Vespa d’Epoca Italia, il gruppo Facebook, fondato da un Saluzzese, totalmente dedicato alla passione vespistica, punto di riferimento per vespisti, collezionisti ed appassionati del settore.

E a proposito di nuovo anno, tornerà anche nel 2019 con i primi caldi l’ormai atteso “Svuotacantine”. Riuso è la parola d’ordine per oggetti che da troppo tempo sono chiusi in cantina o nel solaio, con una partecipazione che cresce di anno in anno. Per chi è propenso alle grandi
pulizie di primavera, il 19 maggio è la data da segnare sul calendario.

MercAntico Saluzzo 2019
Domenica 10 marzo – Ex Caserma Musso
Lunedì 22 aprile – Pasquetta – Piazza Garibaldi
Domenica 2 giugno – Centro cittadino
Domenica 6 ottobre – Centro cittadino
Domenica 10 novembre – Centro cittadino

SVUOTA LA CANTINA: domenica 19 maggio 2019 – Centro Storico
MERCATINO DI S. ANDREA: domenica 24 novembre 2019 – Via Savigliano
Per iscrizione e abbonamenti _ dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30

Fondazione Amleto Bertoni

Per info: www.fondazionebertoni.it – segreteria@fondazionebertoni.it

Tel. 0175/43527 – 346/9499587

91 Carnevale _ La canzone di Ciaferlin

Per chi non le conosce e per chi invece ogni anno le intona, ecco le canzoni ufficiali del Signore e della Signora del Carnevale di Saluzzo!

Castellana e Ciaferlin: BUON ASCOLTO!

Il carnevale delle 2 province: il programma completo 🗓

La Città di Rivoli e la Città di Saluzzo, con i loro Enti deputati – la Pro Loco Rivoli e la Fondazione Amleto Bertoni – hanno annunciato ufficialmente la nascita di un partenariato che non vuole essere uno scherzo carnevalesco, bensì una grande scommessa. Due storici Carnevale si uniscono e costruiscono un evento lungo quasi un mese.

Domenica 10 febbraio – Rivoli
Cerimonia di investitura del Conte Verde e della sua Contessa

Domenica 17 febbraio – Saluzzo – ala di ferro di piazza Cavour e centro cittadino, corso Italia e via Ludovico II
Dalle ore 12.00 Distribuzione Polenta – ala di ferro
Dalle ore 14.00 Investitura 67^ Castellana Città di Saluzzo – Sfilata maschere
Sfilata gruppi mascherati e piccoli carretti a mano per il 2° Carnevale degli oratori – Diocesi di Saluzzo con partenza da Piazza Cavour e arrivo in Via Ludovico II/Piazza Garibaldi
Presenta Ilaria Salzotto di Telecupole

Domenica 24 febbraio – Rivoli
Grande sfilata de “Il Carnevale delle 2 Province” con i carri in cartapesta

Giovedì 28 febbraio – Saluzzo – Ca’ d’Ciaferlin – Antiche Scuderie FAB – Scuderia B
Dalle 20.30 Serata Danzante con Aurelio Seimandi e la sua orchestra in collaborazione con il circolo Famija Saluseisa (Ingresso libero)

Sabato 2 marzo – Saluzzo – ala di ferro di piazza Cavour
Dalle ore 9.00 Colazione di Ciaferlin, una mattina con le maschere della città, una colazione con i prodotti del mercato della terra, formaggi, salumi e pane casereccio

Sabato 2 marzo – Saluzzo – via Gualtieri
Ore 16.30 la giuria valuterà gli elaborati esposti nel punto vendita Girotondo/La Lucerna di Via Gualtieri. Seguirà un momento di festa e merenda con i commercianti della via

Sabato 2 marzo – Saluzzo – Pala CRS – Foro Boario, via Don Soleri
Dalle ore 20.30 Veglione di Carnevale
Dj set con Marco Marzi – servizio bar e guardaroba (Ingresso 5 euro)

Domenica 3 marzo – Saluzzo – partenza da Casa Cavassa, via San Giovanni 5
Ore 11.00 “Svaghi, divertimenti e grandi eventi nella Saluzzo di un tempo”: visita guidata in tema Carnevale. La visita rivolgerà l’attenzione su come si trascorreva il tempo libero nel passato e su come ci si divertiva e si solennizzava un evento. Nozze, battesimi, funerali, giochi, letture, danze e caccia saranno protagonisti del racconto. Un particolare approfondimento sui festeggiamenti di Carnevale a Saluzzo sarà curato dall’Archivio Storico. Il percorso di visita include il Museo Civico Casa Cavassa, il Museo della Civiltà Cavalleresca e l’Archivio Storico della Città di Saluzzo.
(Tariffe: visita guidata 5€ a persona, gratuito per gli under 12 anni accompagnati)
Per info: Ufficio Turistico Iat, piazza Risorgimento,1 12037 Saluzzo (CN) – tel. 0175 46710 – n.verde (da fisso e cellulari) 800392789 – e-mail: saluzzo@coopculture.it

Domenica 3 marzo – Saluzzo – ala di ferro di piazza Cavour e centro cittadino, con partenza da piazza Garibaldi
Grande sfilata de “Il Carnevale delle 2 Province”
Dalle ore 12.00 Distribuzione Polenta – Ala di Ferro
Dalle ore 14.30 Sfilata Carri in cartapesta e Carrinfrutta – Presenta Ilaria Salzotto di Telecupole
Al termine della sfilata verrà stilata la classifica dei carri che hanno partecipato e verrà designato il vincitore del 1° Carnevale delle 2 Province. Il punteggio finale sarà dato dalla somma dei punti assegnati dalle giurie di Rivoli il 24 febbraio e di Saluzzo. A Saluzzo verranno inoltre assegnati i seguenti “premi di tappa”:

  •  l’8° Trofeo Rosatello, premio per il miglio carro;
  •  il 7° Trofeo per la miglior coreografia: trofeo eVISO, per il gruppo che trasmette più eNERGIA!
  •  il Trofeo Vaudagna Trattori – 5° memorial Beppe Rosso, premio per la miglior meccanizzazione del carro;
  •  il Premio Speciale Coldiretti Giovani Impresa, premio per la miglior valorizzazione del frutto (destinato esclusivamente ai carrinfrutta);
  •  il Premio Confagricoltura “alla carriera”, premio che verrà assegnato al carroinfrutta che ha vinto il maggior numero di edizioni nella categoria specifica.

Lunedì 4 marzo 2019 – Saluzzo – Pala CRS – Foro Boario, via Don Soleri
Dalle ore 15.00 Ballo dei bambini con Marco Marzi – Merenda offerta dalle panetterie della città

Lunedì 4 marzo 2019 – Paesana – Fortino Disco
Dalle ore 21.00 Veglione dei commercianti

Martedì 5 marzo 2019 – Saluzzo – ala di ferro di piazza Cavour
Dalle ore 14.00 Pomeriggio in festa per i bambini
Proclamazione vincitori concorso “Coriandoli di Frutta” e Estrazione vincitore Lotteria di Carnevale

 

Si ricorda che durante tutto il periodo del Carnevale le maschere effettueranno le “visite del sorriso”, nelle scuole, asili e case di riposo.

Il calendario delle maschere del saluzzese

LUNEDI’ 25 FEBBRAIO 2019
Ore 9.00 Scuola Infanzia Alessi
Ore 10.15 Scuola Infanzia Regina Margherita
Ore 11.00 Scuola Primaria Mario Pivano
Ore 11.45 Scuola Primaria Mario Pivano
Ore 14.15 Centro Diurno le Nuvole
Ore 15.30 Centro Tapparelli – camere
Ore 17.00 Famija Saluseisa

MARTEDI’ 26 FEBBRAIO 2019
Ore 9.15 Scuola Primaria Dalla Chiesa
Ore 10.45 Scuola Primaria Manta
Ore 14.00 Casa di Riposo Manta
Ore 15.30 Comunità protetta Psichiatrica Cussanio
Ore 17.00 Ospedale Civile Saluzzo

MERCOLEDI’ 27 FEBBRAIO 2019
Ore 9.00 Scuola Infanzia e Primaria Pagno
Ore 10.30 Scuola Infanzia Ilaria Alpi
Ore 15.30 Centro Anziani Verzuolo (Auser)
Ore 17.00 Bocciofila Auxilium Saluzzo

GIOVEDI’ 28 FEBBRAIO 2019
Ore 8.15 Scuola Primaria ed Infanzia Verzuolo
Ore 9.45 Scuola Infanzia San Giuseppe
Ore 10.45 Scuola Primaria Francesco Costa – 1 piano
Ore 11.45 Scuola Primaria Francesco Costa – 2 piano
Ore 14.00 Presentazione Maschere Lagnasco
Ore 16.00 Oratorio S. Agostino Saluzzo
Ore 17.00 Centro Famiglie Corso Mazzini

VENERDI’ 1 MARZO 2019
Ore 9.15 Scuola Infanzia e centro diurno Cervignasco
Ore 10.30 Casa di Riposo Cervignasco
Ore 11.15 Scuola Primaria Mario Musso
Ore 14.00 Asilo Liberi Tutti (Le Corti)
Ore 15.00 Casa di Riposo Piasco
Ore 16.30 Cooperativa Armonia (Villa Luppo)
Ore 17.30 Vigili del Fuoco

SABATO 2 MARZO 2019
Ore 9.00 Colazione di Ciaferlin (Ala di Ferro)
Ore 15.00 Oratorio Maria Ausiliatrice Saluzzo
Ore 16.30 Giuria Concorso Coriandoli di Frutta – via Gualtieri
Ore 21.30 Veglione Carnevale Saluzzo (PALA CRS – Foro Boario)

DOMENICA 3 MARZO 2019
Ore 13.45 Ritrovo Maschere in Piazza Garibaldi
Ore 14.00 Partenza gruppi mascherati per la sfilata

LUNEDI’ 4 MARZO 2019
Ore 9.00 Asilo Nido Saluzzo
Ore 10.00 Casa di Riposo Revello
Ore 15.00 Ballo dei Bambini (PALA CRS – Foro Boario)
Ore 16.30 Casa di Riposo Sanfront
Ore 17.30 Casa di Riposo Paesana

MARTEDI’ 5 MARZO 2019
Ore 9.15 Bimbilandia (via Don Soleri)
Ore 10.00 Asilo San Nicola
Ore 14.00 Ritrovo Maschere – Piazza Cavour per Estrazione Lotteria di Carnevale e annuncio vincitori 4° Concorso
“Coriandoli di Frutta”

PREMIO MATTEO OLIVERO – 41a EDIZIONE 🗓 🗺

Il Premio è dedicato al pittore Matteo Olivero, esponente del divisionismo italiano, nato nel 1879 a Pratorotondo di Acceglio, in provincia di Cuneo. Negli anni partecipò alle maggiori rassegne dedicate al movimento divisionista, esponendo i propri lavori alla Biennale di Venezia, a Parigi e a Bruxelles. L’edizione 2018 ha visto vincitori gli artisti Mark Barrow e Sarah Parke. A decretare il progetto
vincitore furono coinvolte Eva Fabbris, storica dell’arte e curatrice presso la Fondazione Prada di Milano e Leah Pires, curatrice, scrittrice e Fellow presso il Whitney Museum di New York.

La Fondazione Amleto Bertoni, in collaborazione con l’associazione The Blank Contemporary Art e con i coordinatori del progetto Paolo Infossi e Roberto Giordana, presenta la 41a edizione del Premio Matteo Olivero.

L’edizione 2019 rinnova ulteriormente la struttura del Premio chiedendo a diversi advisor – curatori e direttori di istituzioni internazionali – di selezionare e invitare gli artisti, senza limiti di età e di utilizzo di mezzi espressivi, per la produzione di una mostra personale avente come tema l’Origine, che sarà realizzata presso la Sacrestia della Ex-Chiesa di Sant’Ignazio.
Il miglior progetto verrà selezionato dalla giuria, composta da: Stefano Raimondi, curatore del progetto, Chrissie Iles, curatrice del Whitney Museum of American Art di New York, Nicola Ricciardi, Direttore artistico delle OGR di Torino e da membri della Fondazione Amleto Bertoni e del consiglio comunale di Saluzzo.

L’inaugurazione della mostra è il 26 aprile 2019.

TEMA

Il tema individuato per la 41a edizione del Premio è “Origine”.
Origine intesa come l’artefatto primo, la causa fondamentale, la matrice, l’elemento ispiratore di un fatto o di un avvenimento. Il tema prende spunto dal tema generale di start/saluzzo, che quest’anno è Carattere, un tratto comune ma distintivo, che fa riferimento ad un’unicità in costante evoluzione, ma nel rispetto della tradizione.

CURATELA E ORGANIZZAZIONE

L’organizzazione del Premio è stata affidata a The Blank Contemporary Art e la curatela al suo Direttore, Stefano Raimondi (1981), curatore d’arte contemporanea e dal 2010 è Direttore di The Blank Contemporary Art. Ha lavorato presso la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. Dal 2011 a oggi ha curato oltre quaranta mostre personali di artisti italiani e internazionali tra cui: Cory Arcangel, Francesco Arena, Keren Cytter, Rashid Johnson, Hans Berg & Nathalie Djurberg, Eva & Franco Mattes, Ryan McGinley, Jonas Mekas, Pamela Rosenkranz, Franco Vaccari.

La Fondazione Amleto Bertoni è stata istituita dal Comune di Saluzzo con l’intento di promuovere lo sviluppo turistico della città e del suo territorio affiancando alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico e delle eccellenze artigianali locali, l’ideazione di eventi capaci di far dialogare tradizione e linguaggi espressivi innovativi. A tal fine, la fondazione si occupa di organizzare, promuovere e coordinare i principali eventi del saluzzese.

STI – JOBONOBO è una impresa torinese attiva nel campo dell’innovazione digitale, della comunicazione, digital marketing, design, ICT. Nel 2015 ha curato il tablet sharing ufficiale di Expo Milano per conto di Telecom Italia, gestendo 3500 device. Nel 2016 ha lanciato un tour operator di incoming dedicato e al Piemonte, Jo-in. E’ socio fondatore della Fondazione ITS Turismo e Attività Culturali del Piemonte. Dal 2016 realizza applicazioni crossplatform abbinate a cataloghi di itinerari turistici in realtà aumentata. Nel 2017 ha dato vita ad Incet – Innovation Center di Torino, uno spazio di 4000 mq con coworking, maker space, sale eventi e formazione nel campo dell’innovazione. Nel 2018 ha curato la direzione artistica per START/STORIA ARTE SALUZZO, per la quale ha inoltre realizzato un’infrastruttura tecnologica in grado di mappare i flussi di visitatori all’interno di manifestazioni diffuse. A settembre 2018 Jobonobo viene premiata da Invitalia e dal Ministero per i Beni e per le Attività Culturali come una delle 10 migliore imprese innovative italiane nel campo del turismo.

The Blank Contemporary Art è un’associazione culturale senza scopo di lucro nata con l’obiettivo di diffondere e ampliare la passione e la curiosità verso l’arte contemporanea, nonché uno dei principali network per la stessa. L’obiettivo di The Blank, essendo una rete, è quello di connettere istituzioni, musei, aziende, pubblico, collezionisti e artisti attraverso diversi progetti di significativo valore artistico e culturale tra cui mostre, residenze, pubblicazioni e numerosi progetti educativi di scambio internazionale. Nel 2018 The Blank è tra i vincitori dell’Italian Council, il principale progetto del MIBAC – Ministero dei Beni e delle attività culturali, per la promozione dell’arte contemporanea italiana, mentre nel 2016 è stata nominata da i7-MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, miglior realtà indipendente italiana per la promozione dell’arte contemporanea.

INFORMAZIONI E CONTATTI

Fondazione Amleto Bertoni
Tel: 017543527
Email: premiomatteoolivero@gmail.com
Web: www.fondazionebertoni.it, www.theblank.it

bando servizio bar durante il Carnevale

La Fondazione Amleto Bertoni indice una gara d’appalto per la somministrazione bevande in occasione dei festeggiamenti del 91 Carnevale-città di Saluzzo, secondo quanto permesso dalle normative vigenti, presso:
✓ postazione in area coperta denominata – Antiche Scuderie FAB – scuderia B in Piazza Montebello, 1 a Saluzzo (CN);
✓ postazione in area coperta denominata Pala CRS in Piazza del Foro Boario sito in Via Don Soleri a Saluzzo (CN)

Il bando aprirà ufficialmente da lunedì 21 gennaio.

Nel bando sono contenuti tutti i dettagli in merito alle esigenze e alle modalità di partecipazione.

Scarica qui il bando e l’allegato

4a edizione del concorso “CORIANDOLI DI FRUTTA” in collaborazione con GIROTONDO/LA LUCERNA di Via Gualtieri

Lo sguardo della Fondazione Bertoni continua ad essere proiettato ormai al prossimo anno e ai prossimi eventi. Dopo il lancio della Lotteria di Carnevale l’8 dicembre è la volta del concorso Coriandoli di Frutta.

Per il quarto anno, in occasione del Carnevale, la Fondazione Bertoni ripropone il concorso, rivolto ai bambini delle Scuole dell’Infanzia e Primarie del territorio.

Un’occasione diversa per vivere il Carnevale e permettere a tanti piccoli artisti di dare libero sfogo alla fantasia e concorrere per i premi in palio. Oltre allo spirito festoso della ricorrenza più colorata dell’anno, Coriandoli di Frutta diventa un modo per parlare di alimentazione e territorio nelle classi e si crea l’occasione per un lavoro di gruppo che rafforza e unisce i bambini, tutti rivolti verso un obiettivo comune.

Collabora al progetto, con la Fondazione Bertoni, il Corriere di Saluzzo e per il 2019 sarà il negozio di giocattoli Girotondo/La Lucerna, di via Gualtieri, a fare da punto di raccolta ed esposizione degli elaborati, oltre che ad offrire i premi in palio.

Il concorso.

Chi può partecipare: tutte le sezioni delle Scuole dell’Infanzia statali e parificate e tutte le classi della Scuola Primaria. Cosa fare: le sezioni e le classi, potranno presentare elaborati che abbiano come tema “LIBERA LA TUA FANTASIA CON IL CARNEVALE!!”

Verranno premiati i primi e secondi per entrambe le categorie (Scuola Infanzia e Primaria) con buoni validi per materiale didattico o giochi educativi del valore rispettivamente di 100 e 50 euro. Un unico vincitore per il premio del Corriere di Saluzzo: 100 euro di materiale per la classe e un abbonamento digitale per l’insegnante. Il tema del progetto, per il 2019, “libera la tua fantasia con il carnevale”, è un vero invito a sbizzarrirsi e creare un’opera in onore della festa più allegra dell’anno.

Gli elaborati delle classi potranno essere maschere, marionette, disegni, giochi di società, bidimensionali o tridimensionali; mentre i materiali saranno i più svariati, dal cartone alla cartapesta, dalla pasta di sale al pongo, ogni classe potrà utilizzare il materiale che più preferisce. Protagonista, come da tradizione, potrà essere la frutta, in particolar modo mele, pere, uva, castagne, kiwi, noci, puciu, cachi.

Torna l’invito, fuori concorso, anche per i bambini singoli: “fai la tua maschera”. Chiunque volesse partecipare producendo una mascherina, potrà portarla in negozio e riceverà subito un piccolo premio di partecipazione.

 La consegna dovrà avvenire entro e non oltre mercoledì 20 febbraio 2019 presso il negozio Girotondo/La Lucerna dove i diversi elaborati saranno esposti da giovedì 21 febbraio a martedì 5 marzo. A votarli una giuria “popolare”, che voterà attraverso un coupon ritagliabile sul Corriere di Saluzzo, e una giuria tecnica, presieduta da Ciaferlin e dalla Castellana. Il 5 marzo, in Piazza Cavour, verrà annunciato il vincitore, mentre la consegna dei premi avverrà in Fondazione Bertoni presso la Sala degli Specchi venerdì 8 marzo alle ore 16.30 durante una merenda in allegria.

Scarica il bando completo

Bando di concorso_coriandoli di frutta 2019_def

Il Carnevale delle 2 Province

Rivoli, Saluzzo e il Carnevale

Le grandi sfilate di
24 febbraio 2019 – 65° Carnevale di Rivoli
3 marzo 2019 – 91° Carnevale Città Saluzzo 2019

Fare rete, condividere, perché no, sostenersi vicendevolmente. Da qui nasce un’idea che rinnova e consolida due grandi Carnevali Piemontesi. La Città di Rivoli e la Città di Saluzzo, con i loro Enti deputati – la Pro Loco Rivoli e la Fondazione Amleto Bertoni – annunciano ufficialmente la nascita di un partenariato che non vuole essere uno scherzo carnevalesco, bensì una grande scommessa. In anni che vedono la storica manifestazione del Carnevale cambiare per mille e diversi motivi, storici e pratici in primis, è importante saper mutare, coinvolgere e costruire un evento che, nella tradizione, sappia innovare e rinnovarsi.

Il “nostro” Carnevale è storia di tradizioni, valori condivisi di amicizie, di affetti, di amore per la città, senso di appartenenza ad una comunità – scrive la Pro Loco Rivoli. I medesimi concetti stanno alla base della manifestazione saluzzese, che negli ultimi 5 anni ha poi conosciuto una nuova e curiosa declinazione, i Carrinfrutta, che segnala una grande attenzione al comparto ortofrutticolo e al territorio.
Storia, tradizione, manifestazione popolare nel senso più altro del termine, passione e sano divertimento. Ecco il mix che oggi sarà alla base delle rispettive sfilate, al di qua e al di là del confine provinciale.

Un coloratissimo vortice di stelle filanti, di coriandoli, caramelle ed allegria si sposterà tra Rivoli e Saluzzo, lungo le strade provinciali che si faranno ponte per unire due Città che stanno ai piedi delle Alpi, che aprono a vallate bellissime e ricche di gusto, laboriosità e tradizioni millenarie.

La Pro Loco di Rivoli condivide con la Fondazione Amleto Bertoni la prima edizione del “Carnevale delle due Province”. Il Carnevale è amicizia, condivisione, passione e senso di appartenenza, ma anche tanto lavoro e impegno da parte di tutti coloro che, in maniera diversa, si dedicano alla sua realizzazione. Portare avanti le tradizioni richiede anche uno sforzo di rinnovamento delle stesse ed è per questo che con entusiasmo aderiamo a questo evento che ancor di più mette in luce quanto il lavoro delle Pro Loco sia importante per la valorizzazione turistico culturale dei nostri territori, soprattutto per la trasmissione del patrimonio immateriale alle nuove generazioni.

Maria Ausilia Gulletta – Presidente Pro Loco Rivoli

 

Fare squadra e costruire reti porta a buoni risultati! Dal problema che deriva dalla competizione tra due manifestazioni all’opportunità di unirsi per dare vita ad una nuova avventura! Questo è stato il “fil rouge” che ha condotto la Fondazione Amleto Bertoni – Città di Saluzzo e la Pro Loco – Città di Rivoli a dialogare e ragionare sull’opportunità di unire in un unico concorso due storiche sfilate piemontesi. E’ così che nasce il “Carnevale delle due Province”.
Infatti in questi ultimi anni il Carnevale ha attraversato notevoli difficoltà organizzative e regolamentari, per i carristi come per gli Enti organizzatori, con il risultato di una drastica riduzione dei gruppi partecipanti ed una crescente complessità nel riuscire ad organizzare le sfilate allegoriche. La Fondazione Amleto Bertoni ha risposto con proposte, novità e buone idee. Ora questa nuova sinergia – Carrinfrutta uniti al ritorno dei carri di cartapesta provenienti dal Torinese – non potrà che dare nuova linfa ed un futuro glorioso al Carnevale di Saluzzo.

Romano Boglio – Vicepresidente Fondazione Amleto Bertoni, Consigliere delegato al Carnevale

22 dicembre – L’ombra dell’antica Torre sul campanile di San Giovanni

L’ombra dell’antica Torre sul campanile di San Giovanni: performance contemporanea di arte antica nel Solstizio invernale

Sabato 22 dicembre – Antico Palazzo Comunale – ore 9.30-11

“Performance” contemporanea di arte antica

La Fondazione Amleto Bertoni è lieta di presentare, all’interno degli eventi del Natale saluzzese, una “performance” artistica firmata Franco Giletta. Dopo la curiosità suscitata dalle foto dell’artista saluzzese un anno fa, oggi un vero e proprio evento/workshop per ascoltare, guardare e fotografare un avvenimento unico.

 

Il fenomeno della perfetta sovrapposizione dell’ombra della Torre Civica sul Campanile di San Giovanni a Saluzzo va vissuto come una vera “performance” artistica contemporanea di arte antica.
Da più di 500 anni questo fenomeno attendeva di essere conosciuto e fruito da un più vasto pubblico.
Ci viene unicamente richiesto lo sforzo di imparare a vedere e non solo guardare.
Così anche l’arte e l’architettura antica diventano contemporanee perché richiedono la nostra collaborazione, ci chiamano in un’ora, in un minuto particolare in cui dobbiamo raggiungerle. Contemporanea ne è la fruizione e la possibilità della sua riproducibilità all’infinito.

Nel periodo natalizio, in corrispondenza del solstizio d’inverno, l’antico Sol Invictus, l’ombra della Torre Civica si proietta perfettamente all’interno del campanile di San Giovanni e le due architetture diventano magicamente una nuova realtà. Come in una fantastica costruzione alla Escher, il Campanile di San Giovanni si appropria dell’anima della Torre generando una sensazione onirica di alterazione delle leggi naturali; una vera pittura solare.
Bisognerà pazientemente attendere un anno per rivederla così magica.

L’ombra della Torre nel periodo di novembre inizia a salire lungo il campanile e, con il passare dei giorni, raggiunge, nel periodo tra Natale e l’Epifania, la perfetta sovrapposizione. Poi nel periodo successivo, lentamente, ridiscende lungo il campanile medesimo, generando un fenomeno “fecondo” di suggestioni e interpretazioni.
Questa danza di luci e di ombre va, a mio parere, letta nel significato positivo della vittoria della luce sulle tenebre, così come lo è nella tradizione cristiana del Natale che cade proprio nei giorni del solstizio invernale.
Insomma, senza voler scomodare Platone o Jung, senza la percezione dell’ombra non avremmo la consapevolezza dell’essenza della luce.
Ad oggi non abbiamo riscontri di attendibilità storica che ci dicano se questa perfetta sovrapposizione e corrispondenza tra elementi architettonici dell’ombra e del campanile siano voluti o frutto del caso. Se di caso si tratta…si tratta di una caso fortunatissimo…una sovrapposizione così perfetta rappresenta un unicum in Italia per tipologia.
Ma gli elementi di suggestione che possono propendere nel farlo considerare un effetto voluto sono molteplici, a partire dal periodo dell’anno in cui avviene, legato al solstizio di inverno, al pagano Sol Invictus, e al Natale cristiano.
Insomma se, da storici, dobbiamo considerarlo una fortunata “sovrapposizione” di eventi, analizzando con attenzione tutti gli indizi rimane un grande spazio per suggestioni legate alla volontà dell’effetto dell’ombra.
Non dimentichiamo che la conoscenza esoterica, una cultura sapienziale diffusa in una seppure ristretta élite di personalità, trapela con forza in più architetture e opere artistiche, di epoche anche diverse, su tutto il territorio dell’antico Marchesato.
Come molti studiosi della simbologia hanno da sempre evidenziato, si va dai segreti solari e dalle architetture con anasimmetrie mimetizzate dell’Abbazia di Staffarda, alla sala del sogno pagano della Fontana della Giovinezza nel Castello di Manta, fino alle fantastiche grottesche del Castello di Lagnasco. Quasi percorsi iniziatici riservati, all’epoca, a pochi eletti che dovevano saper vedere oltre l’immagine.
La Torre poteva servire come strumento di misurazione del tempo, delle stagioni e come privilegiato osservatorio astronomico; una enorme meridiana non solo del tempo ma anche della cultura.

Seguendo queste suggestioni l’antica sapienza dei costruttori potrebbe trovare nell’ombra della torre un fantasmagorico esercizio, un rompicapo astrale. Ora quella sovrapposizione, come una sveglia, risuona in noi. Nell’epoca della riproducibilità può diventare un turistico richiamo iconico all’arte di Saluzzo la cui bellezza non finirà mai di meravigliarci e sorprenderci. E’ una “performance” di architetture che, grazie alla luce, diventano dinamiche… il campanile di San Giovanni, simbolo del potere spirituale, “abbraccia”, fino a contenere perfettamente in tutte le sue parti, l’ombra della torre, simbolo del potere temporale che, almeno in questo periodo natalizio, sembra così volersi fare più “piccola e bassa” come a “mettersi in ombra” … quasi a voler omaggiare il Natale.
Chi costruì l’ultima parte della Torre si divertì a rappresentare in un “gioco” questa danza, questa performance luminosa dei campanili? Quasi a voler imitare un gioco dinamico di ombre cinesi la silhouette si muove, appare, diventa potente e poi scompare nuovamente, senza peso, come un soffio di vento.
Il bello sta nel fatto che la perfetta sovrapposizione dura pochi istanti…un attimo che fugge e occorrerà aspettare nuovamente un anno per rivederlo con le stesse modalità.

Franco Giletta

 

Ingresso gratuito