LA PROGRAMMAZIONE COMPLETA DELL’ATTESO CINEMA ALL’APERTO e le attività per le famiglie con PLUF!

SALUZZO ESTATE & PLUF!

Il cinema all’aperto della Fondazione Bertoni parte mercoledì 3 luglio da Via Barge.
E poi in tour in diversi quartieri della città, con spettacoli gratuiti e per tutti, e non senza qualche bella novità!
Quest’anno alcuni appuntamenti saranno arricchiti da una nuova iniziativa: il GIOCO targato FABBRICA DEI SUONI e dedicato a piccoli e famiglie.

Pluf! Gioca con le terre del Monviso

Un calendario di “visite giocate” per bambini, vere animazioni di piazza che coinvolgono le famiglie in vacanza e i residenti per scoprire le terre del Monviso divertendosi con “Pluf! Gioca con le terre del Monviso”. Il gioco, realizzato da La Fabbrica dei Suoni, è una delle principali azioni di animazione turistica del progetto Pluf!, di cui l’Unione Montana Valle Varaita è capofila.
Tutti i territori aderenti al progetto sono rappresentati e si potrà giocare scegliendo su quale o quali zone concentrare la propria attenzione. Attraverso duecento carte, abbinate ad altrettante domande su natura, sport, cultura, prodotti tipici, storia & storie, i partecipanti vanno alla scoperta delle terre del Monviso con una modalità ludica di tipo cooperativo.
Animazioni di piazza condotte da operatori de La Fabbrica dei Suoni, attività gratuita con prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno precedente al numero 0175.576294.

Andiamo con ordine…

Mercoledì 3 luglio in via Barge verrà proiettato THE MOST BEAUTIFUL DAY, una brillante commedia tedesca, un “road movie” abile nel bilanciare le diverse situazioni senza mai cadere nell’esagerazione comica o nel patetismo gratuito.

Mercoledì 10 luglio è la volta del centro sportivo di Maria Ausiliatrice con COPPERMAN, una bella commedia italiana per tutta la famiglia, un film fresco e genuino che sa guardare attraverso gli occhi di un uomo che non è mai cresciuto.
Dalle ore 20.00 Pluf! Gioca con le terre del Monviso
Animazioni di piazza condotte da operatori de La Fabbrica dei Suoni, attività gratuita con prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno precedente al numero 0175.576294.

Mercoledì 17 luglio tocca all’oratorio di Cervignasco, con una bella novità. Per la serata la Fondazione propone il cinema pic-nic. L’invito a tutti è di portare plaid e panini, accomodarsi nel prato curato dall’oratorio di Cervignasco e godersi con tutta la famiglia ASTERIX E IL SEGRETO DELLA POZIONE MAGICA.
Dalle ore 20.00 Pluf! Gioca con le terre del Monviso
Animazioni di piazza condotte da operatori de La Fabbrica dei Suoni, attività gratuita con prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno precedente al numero 0175.576294.

Mercoledì 24 luglio un altro film di animazione in Via Pignari: C’ERA UNA VOLTA IL PRINCIPE AZZURRO

Mercoledì 31 luglio nella piazza di San Lazzaro verrà proiettato MADE IN ITALY, un film del 2018 scritto e diretto da Luciano Ligabue. Terza regia del cantautore emiliano, è interpretato da Stefano Accorsi e Kasia Smutniak.

Mercoledì 7 agososto si torna a Maria Ausiliatrice con UN METRO DA TE

Per concludere mercoledì 21 agosto a Castellar in piazzetta Cavalier Tomatis con la simpatica commedia italiana MAMMA o PAPA’.
Dalle ore 20.00 Pluf! Gioca con le terre del Monviso
Animazioni di piazza condotte da operatori de La Fabbrica dei Suoni, attività gratuita con prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno precedente al numero 0175.576294.

Le proiezioni avranno tutte inizio tra le 21.15/21.30.
La visione è gratuita e la manifestazione non potrà svolgersi in caso di maltempo.
Info www.fondazionebertoni.it

 

 

OCCITAMO#fuoriporta in VALLE CHISONE

Venerdì 9 agosto – ore 18

Comune di Usseaux – Pian dell’Alpe

Rifugio Lago delle Rane

BANDA BRIGA

Sergio Berardo e Roberto Avena

Una nuova proposta #fuoriporta, una nuova proposta per incontrare un territorio occitano che va oltre le Vallate delle Terres del Monviso. Dopo la Val Susa eccoci nella bellissima Usseaux, in Valle Chisone.

In scena, la storia di Briga lo violaire, la ghironda e le genti delle alte valli (scarica la locandina)

Briga aveva una ghironda, una grancassa sulla schiena che batteva con una mazza, dei piatti sopra la grancassa, dei sonagli sul cappello e alle caviglie. Suonava contemporaneamente tutti gli strumenti. Di Briga lo violaire si sono potuti ricostruire alcuni viaggi attraverso i “carnets de route” (raccolta di autorizzazioni rilasciate dai Comuni francesi nei quali si fermava a suonare). La lingua materna di Briga era l’occitano. Occit’amo Festival ne narra le gesta, ovviamente in musica.

Il suonatore di ghironda si inserisce nel filone dei mestieri ambulanti delle persone delle alte terre, migranti per necessità, alla ricerca di lavoro e storie da narrare. Genti assolutamente non stanziali, ma girovaghe, e il loro viaggiare ha fatto sì che la stessa musica occitana potesse essere oggetto di comunicazione, cambiamento, lasciandosi permeare da tempi e luoghi differenti.

 

Occitamo 2019#1_le gallery

Occit’amo 2019

DAL 4 LUGLIO AL 15 AGOSTO LA QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELL’ESTATE
DEDICATO A MUSICA, CULTURA E TRADIZIONI POPOLARI OCCITANE

Oltre 20 concerti in 6 weekend per vivere le Terre del Monviso a cavallo tra Italia e Francia. Ospite d’eccezione Carmen Consoli in concerto l’8 luglio con un progetto speciale Si scaldano i motori per Occit’amo 2019, il festival delle Terre del Monviso, ponte tra Italia e Francia, per scoprire lo straordinario patrimonio di musica, cultura e tradizioni popolari occitane.

Occit’amo è una grande festa diffusa che dal 4 luglio al 15 agosto si svolge tra le Valli Stura, Maira, Po e Infernotto, tra le Valli Varaita, Grana e la Pianura del Saluzzese con incursioni oltralpe, pronte ad accogliere oltre 20 gruppi musicali provenienti da tutta Italia e Francia, artisti
e scrittori. A curare la direzione artistica della kermesse è Sergio Berardo, musicista e anima dei Lou Dalfin, il gruppo che da anni fa “ballare occitano” nel mondo.

L’Occitania è “il paese che non c’è”, una terra che si estende dalle Alpi all’Atlantico e che condivide linguaggi, sapori, musiche, tradizioni, identità, simboli, ma che fa dell’incrocio di culture la sua forza e la sua caratteristica. È una cultura portata avanti dalle sue stesse genti, dall’amore con cui si tramandano usi e tradizioni di generazione in generazione, da tempo immemore.

Un unico territorio, intrecciato in una storia plurisecolare, che abbraccia pianura e valli, e che, accomunato dallo stesso simbolo culturale, si incontra, confronta e, soprattutto, fa festa. E Occit’amo è proprio tutto questo, «una grande occasione per affermare, attraverso la cultura e la
musica, l’identità e la tradizione della nostra storia. La musica popolare, i balli, la letteratura hanno profonde radici in tutte le regioni italiane e in tutti i paesi del mondo. Queste culture possono convivere e possono arricchirsi reciprocamente: le radici, se condivise, aiutano la propria identità e la propria cultura ad aprirsi al mondo».

Questo è il biglietto da visita della kermesse che alla quinta edizione, dopo un’entusiasmante risposta di pubblico, intende crescere ancora.
Protagonisti assoluti di questa edizione sono la musica e la cultura occitana, declinate in molteplici forme d’arte che vanno dalla danza alla rappresentazione canora e corale, fino al cinema e alla parola, legate tra loro da un vincolo strettissimo con il patrimonio paesaggistico e
artistico locale: i sentieri e le malghe, i colli e le vette, le chiese e le cappelle, i conventi e siti storici e architettonici di pregio diventano palco naturale della kermesse. In una parola: un festival unico in un contesto suggestivo.

Occit’amo conferma dunque la vocazione di meta turistica e culturale dedicando a ogni vallata coinvolta nel programma un intero weekend: il festival fa vivere infatti il territorio a 360 gradi, affiancando ai grandi appuntamenti musicali passeggiate e tour in bicicletta fino ai rifugi, percorsi enogastronomici alla scoperta delle eccellenze del territorio, incontri con i produttori locali, appuntamenti e festa popolare che animano le antiche borgate. Insomma: ce n’è per tutti i gusti. Occit’amo si arricchisce ancora grazie alle collaborazioni con importanti Festival italiani e francesi che raccontano la montagna e la tradizione, come anche attraverso la presenza di Provenza e Lengua Doc, proiezione di un arco latino dove sono emigrate molte delle genti dei territori coinvolti, e anche grazie alla presenza di grandi ospiti.
Dopo Goran Bregović nel 2017 e Francesco De Gregori nel 2018, ecco sul palco una donna, Carmen Consoli, che lunedì 8 luglio aprirà ufficialmente la quinta edizione di Occit’amo con un concerto speciale a Saluzzo. La cantantessa catanese, un mix di rock e folk, attenzione alla cultura popolare e suggestioni letterarie suonerà sul palco allestito nel cortile della Fondazione Amleto Bertoni, a Saluzzo, l’antica
capitale del marchesato.

Da qui il via a un programma di sei settimane che coinvolgerà il territorio transalpino e che si chiuderà il 15 agosto con l’ormai attesissimo Ferragosto occitano e il concerto di Lou Dalfin a Castelmagno (CN).

Occit’amo è promosso da Terres Monviso e organizzato dalla Fondazione Amleto Bertoni, il progetto è inserito in “Performing Arts 2018-2020” della Compagnia di San Paolo.

www.occitamofestival.it
Facebook @occitamo
Instagram: @occitamofestival

CARMEN CONSOLI APRE IL FESTIVAL OCCIT’AMO

AL VIA LE PREVENDITE PER IL CONCERTO DI LUNEDÌ 8 LUGLIO 2019 A SALUZZO

Sarà Carmen Consoli ad aprire ufficialmente la quinta edizione di Occit’amo 2019, il Festival delle
Terre del Monviso, in programma dal 5 luglio al 15 agosto 2019. Mancava, tra i grandi artisti internazionali da sempre ospiti della kermesse, una donna. Eccola qui, Carmen Consoli: un mix di rock e folk, attenzione alla cultura popolare e suggestioni letterarie. Lunedì 8 luglio alle 21,30 la cantantessa catanese sarà in concerto a Saluzzo nel cortile della Fondazione Amleto Bertoni, accompagnata sul palco da Massimo Roccaforte alla chitarra, Luciana Luccini al basso e Antonio Marra alla batteria.
Il concerto dà il via al festival Occit’amo, la grande festa dell’estate per scoprire musica, cultura occitana e tradizioni popolari. Palcoscenico della manifestazione sono le Valli e le terre del
Monviso, con incursioni oltralpe, tra paesaggi alpini, castelli, dimore storiche e chiese medievali. 6 weekend in cui musica, spettacoli, cultura ed enogastronomia si mescolano dando vita a un
evento dal respiro internazionale con ospiti unici. Carmen Consoli è stata la prima artista italiana a calcare il palco dello Stadio Olimpico di Roma, l’unica italiana a partecipare in Etiopia alle celebrazioni dell’anniversario della scomparsa di Bob Marley, si è esibita come headliner a Central Park, ha segnato 3 sold out di fila a New York, ha fondato una sua etichetta – la Narciso -, si è ispirata a Verga e alla mitologia, ha portato nelle sue canzoni anche l’arabo e il francese, è stata la prima donna nella lunga storia del Club Tenco a vincere la Targa Tenco come Miglior Album dell’anno con Elettra e la prima donna investita del ruolo di Maestro Concertatore per il Concertone della Notte della Taranta, è stata nominata Goodwill Ambassador dell’Unicef e Ambasciatrice del Telefono Rosa, ha vinto il premio Amnesty Italia per Mio zio: la carriera di Carmen Consoli è costellata di primati. Ma soprattutto Consoli è una magnifica combinazione tra una rocker e un’intellettuale… una voce piena di dolore, compassione e forza (Jon Parelles, New York Times).

CARMEN CONSOLI IN CONCERTO
8 luglio 2019, ore 21.30
Cortile della Fondazione Amleto Bertoni, P.zza Montebello 1, Saluzzo
Ingresso unico: € 22 + prevendita
Prevendite circuito TicketOne – https://bit.ly/2KhDQts
Prevendite circuito PiemonteTicket – da lunedì 15 aprile 2019

Info www.occitamofestival.it – Facebook @occitamo / Instagram occitamofestival

Fondazione Amleto Bertoni, piazza Montebello 1, Saluzzo
Tel. 0175-43527 Cell. 346-9499587 – www.fondazionebertoni.it

Vendita diretta presso gli uffici della Fondazione Amleto Bertoni, IAT Città di Saluzzo e Filatoio di Caraglio
Ingresso gratuito: portatori di handicap con accompagnatore al seguito pagante; bambini fino ai 10 anni
Info su www.occitamofestival.it


FESTIVAL OCCIT’AMO – DOVE E QUANDO?
Le Valli Stura, Maira, Po-Bronda e Infernotto, la Pianura del Saluzzese, le Valli Varaita e Grana dal 5 luglio al 15 agosto 2019 (con una serie di appuntamenti in anteprima) sono pronte ad accogliere oltre 20 gruppi musicali provenienti da tutta Italia e Francia, scrittori e cantanti che fanno letteratura. Un focus su sonorità che vedranno rappresentate Provenza e Lengua Doc, visione plastica di un arco latino dove sono emigrate le nostre genti.

www.occitamofestival.it
Facebook @occitamo
Instagram: @occitamofestival

 

Ufficio stampa
laWhite – ufficio stampa e dintorni – T +39 011 2764708 info@lawhite.it
Silvia Bianco / M + 39 333 8098719 / silvia@lawhite.it
Clio Amerio / M +39 349 1614867 / clio@lawhite.it
Miriam Barone / M + 39 339 7004020 / miriam@lawhite.it

C’E’ FERMENTO: conto alla rovescia 🗓 🗺

IL SALONE DELLE BIRRE ARTIGIANALI COMPIE DIECI ANNI E FESTEGGIA PER QUATTRO GIORNI CON UN RICCO PROGRAMMA

Partito il conto alla rovescia per C’è Fermento, la kermesse dedicata alle birre artigianali che torna a Saluzzo dal 20 al 23 giugno.
Curato dalla Fondazione Amleto Bertoni, in collaborazione con Città di Saluzzo e Condotta Slow Food del Marchesato di Saluzzo, il Salone delle birre artigianali si conferma uno degli appuntamenti più attesi e importanti del settore, un punto di riferimento per birrai, intenditori e
amanti della birra.
Qui, in un unico grande spazio, non solo si va alla scoperta delle migliori birre artigianali del territorio e nazionali, ma si possono incontrare i Mastri birrai che ne sveleranno segreti e curiosità sulla lavorazione, produzione e abbinamenti.
Dunque tutto pronto per quella che si preannuncia come un’edizione speciale: il 2019 segna infatti il decennale di una manifestazione che negli anni è cresciuta e che è pronta ad accogliere il suo pubblico più affezionato, proveniente da tutto il Nord Italia e dalla Francia.
Dopo che nel 2018 sono stati raggiunti oltre 20.000 ingressi, quest’anno si punta a superarli, grazie anche ad un programma dedicato ad un pubblico ampio.
Le parole d’ordine? Birra, decennale, formazione, ma anche convivialità con una proposta di street food, racchiuse tutte in un unico concetto: fermento!
Quattro giorni di grande festa che dà il via all’estate, quattro giorni in cui è protagonista assoluta la birra artigianale, sia regionale sia nazionale, ma non solo: ad essere infatti attesi nel cortile della ex Caserma Musso di piazza Montebello, per la prima volta nella storia della kermesse, ci sono tre Mastri Birrai provenienti dal Nord Europa (Belgio, Inghilterra e Germania), ospiti speciali dell’edizione numero dieci. Saranno loro ad animare il Salone, insieme ai diciotto birrifici italiani che vanno dal nord al sud, attentamente selezionati dalla Guida alle Birre d’Italia Slow Food e da un comitato scientifico formato da Luca Giaccone e Francesco Nota.
Oltre 120 birre presenti alle spine sono affiancate da 12 cucine di strada, selezionate dalla Condotta del Marchesato di Saluzzo Slow Food, per offrire al pubblico un percorso di tutto gusto tra le cucine di nord e sud d’Italia.

Resta invariato invece l’ingresso gratuito al Salone e la formula di acquisto, esclusivamente tramite gettoni del valore di 2 euro l’uno, delle degustazioni di cibo e birra negli stand, che avviene attraverso il bicchiere di vetro griffato C’è Fermento, da poter poi portare a casa come ricordo dell’esperienza.
Accanto a percorsi tematici e ai momenti di approfondimento organizzati da Union Birrai rivolti sia agli intenditori sia a semplici appassionati e curiosi, C’è Fermento propone un calendario di appuntamenti OFF: eventi collaterali, musica diffusa e live con la partecipazione di Radio Beckwith, laboratori e visite sul territorio che coinvolgono un pubblico molto eterogeneo, per luogo di provenienza ed età.
C’è Fermento si conferma anche quest’anno family friendly grazie alla collaborazione con il Ludobus Proposta 80 che offre uno spazio gioco e attività per i più piccoli.

Facebook @cefermento.it
Instagram @cefermento

Per info:
Fondazione Amleto Bertoni, piazza Montebello 1, Saluzzo
Tel. 0175-43527 Cell. 346-9499587

Ufficio stampa
laWhite – ufficio stampa e dintorni – T +39 011 2764708 info@lawhite.it
Silvia Bianco / M + 39 333 8098719 / silvia@lawhite.it

Clio Amerio / M +39 349 1614867 / clio@lawhite.it
Miriam Barone / M + 39 339 7004020 / miriam@lawhite.it

START_Dolcetto o scherzetto?

Domenica 26 maggio 2019

Villa Belvedere
Via San Bernardino 14 – Saluzzo

DOLCETTO O SCHERZETTO?
Dolcetto e Quagliano a confronto. Dolce di nome e dolce di fatto

Ore 12,00 – Apertura dei banchi d’assaggio

Aziende

Per il Consorzio “Colline Saluzzesi”
Paolo Bonatesta (Saluzzo) – Cascina Melognis (Revello) – F.lli Casetta (Vezza d’Alba) – Andrea Fornero (Busca) – Serena Giordanino (Costigliole S.) – Emidio Maero (Saluzzo) – Produttori Pelaverga Castellar (Saluzzo) – Vigna Santa Caterina (Saluzzo)

Per il Dolcetto
Marco e Vittorio Adriano (Dolcetto d’Alba Doc) – F.lli Aimasso (Diano d’Alba)

Poderi Cellario (Carru’)

Ospiti

BelColle (Verduno) – Vigneti Giacomo Boveri (Costa Vescovato) – L’Armangia (Canelli)

Ore 16,00 – Incontro e degustazione guidata *
Dolcetto e Quagliano a confronto
Dolce di nome e dolce di fatto

Saluti istituzionali
Città di Saluzzo – Fondazione Amleto Bertoni; Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Intervengono

Mauro Carosso e Andrea Dani – Associazione Italiana Sommelier – Piemonte

Michele Fino – Università di Scienze Gastronomiche

*Per la degustazione guidata: disponibilita’ n. 20 posti

Gradita la prenotazione a collinesaluzzesi@gmail.com – 333 6676235

START/storia e arte Saluzzo incontra territorio e produzione. I vitigni, i vini e un nome che suona quasi come uno scherzo. Un confronto, quello che propone Start, tra le ardue e antiche vigne del Saluzzese, ai piedi del Monviso, e le assolate colline vitate che racchiudono il Sud del Piemonte … ma non solo. L’omonima che inganna: Verduno Pelaverga e Colline Saluzzesi Pelaverga.

Nomi che confondono ma che raccontano terroir, storie, leggende e verità, con tutta la magia del variopinto panorama viticolo piemontese.

Un momento per ascoltare, gustare, confrontarsi e avvicinarsi all’attività di produttori che, in Piemonte, dedicano la propria vita alla vigna e al vino.

Nell’anno che la Regione Piemonte dedica al Dolcetto, un pomeriggio che chiude un ricchissimo mese in cui Saluzzo e il suo territorio hanno potuto farsi conoscere da migliaia di visitatori.

Dolcetto o Scherzetto e’ organizzato in collaborazione con il Consorzio “Colline Saluzzesi”, l’Associazione Italiana Sommelier -Piemonte e l’Istituto Alberghiero “G. Paire di Barge”.

Ingresso Euro 10: degustazione libera ai banchi di assaggio vini – degustazione guidata delle ore 16,00 inclusa

Possibilita’ di acquisto ai banchi

————————————-

Per informazioni e curiosità visita il sito http://startsaluzzo.it/

Segui START con l’hashtag #Start19 su Facebook @StartSaluzzo

Organizza il tuo viaggio partendo da www.saluzzoturistica.it e https://fondazionebertoni.it/

————————————-

Ufficio stampa

laWhite – ufficio stampa e dintorni – T +39 011 2764708 info@lawhite.it

Silvia Bianco / M + 39 333 8098719 / silvia@lawhite.it

Clio Amerio / M +39 349 1614867 / clio@lawhite.it

Miriam Barone / M + 39 339 7004020 / miriam@lawhite.it

E’ quasi tempo di SALUZZO ESTATE

SALUZZO ESTATE 2019

Giunge alla sua 14esima edizione la rassegna estiva saluzzese che unisce musica, gusto, feste di piazza e quest’anno anche lo sport

Quest’anno si inaugura con la Notte Rosa, mercoledì 22 maggio 2019

L’estate saluzzese quest’anno apre in anticipo. Mercoledì 22 maggio tutta la città si colorerà di rosa in occasione del passaggio del Giro d’Italia di giovedì 23 e la partenza, proprio da Saluzzo sempre giovedì del Giro E. Un villaggio in via Silvio Pellico e una serata “aspettando il giro” con animazioni a tema, musica e buon cibo, organizzata dal Comune con la Fondazione Bertoni e in collaborazione con i locali. Si
scende in strada dalle ore 18 fino alle 23: un’occasione per le famiglie e per tutti coloro che avranno voglia di vivere una delle prime serate primaverili in centro città. E poi via all’interminabile elenco di appuntamenti che animeranno i prossimi mesi e che danno vita al ricco calendario di Saluzzo Estate da giugno fino a fine agosto. Da anni la Fondazione Bertoni, in sinergia con il Comune di Saluzzo, svolge un ruolo di raccolta e coordinamento che dà vita ad una brochure che rimarrà nelle case per 3 mesi e che farà da “guida” agli eventi della città. Un lavoro che vede impegnati in molti, tra Associazioni e privati, e che racconta una bella comunità che anima e fa vivere Saluzzo.
Che cos’è perciò Saluzzo Estate? 3 mesi fitti fitti di appuntamenti che spaziano dalla musica di ogni genere al cinema, dal teatro alle visite guidate, dai laboratori per famiglie agli aperitivi, alle serate in strada.

Un territorio intero che si adopera e si racconta. Andiamo con ordine.
Il 26 maggio si chiude start/storia arte Saluzzo, 1 mese intero dedicato all’arte contemporanea, all’antiquariato e all’artigianato, e immediatamente si riparte sabato 1° giugno con Effetto Notte, la notte bianca più attesa e conosciuta della provincia, proprio perché la prima e perché sempre molto partecipata grazie alla grande proposta di punti spettacolo e gastronomici. Quest’anno una novità: Effetto Notte diventa una notte circense con Cirko Vertigo che, con i suoi artisti, renderà le strade del centro magiche ed emozionanti. I musei saranno aperti in orario serale e gratuiti, i locali animeranno le vie con musica, apericena e cene. Tutti in strada dalle 19 per una notte d’estate
dedicata proprio a tutti, giovani, famiglie e anche ai meno giovani. Non ci sarà quasi il tempo di chiudere la notte che subito domenica 2 giugno, le strade, prontamente sgombere e pulite ospiteranno il MercAntico. Il mercatino d’estate è sempre molto atteso e partecipato dagli espositori e dal pubblico. Torneranno ad essere occasioni d’affari mobili, vinili, oggetti antichi, vecchi giocattoli, libri e stampe, ma anche gioielli e ceramiche. Un intero fine settimana da vivere e gustare.
Si passa poi al fine settimana successivo: il 5, 6 e 7 giugno protagonisti gli studenti con la loro festa di fine anno scolastico. La WeyCUP 2019, quest’anno compie 10 anni e come sempre vedrà i giovani degli istituti superiori sfidarsi in competizioni e giochi, esibirsi in piazza Vineis, e condividere pranzi e cene in allegria con una serata conclusiva, quest’anno, al Pala CRS del Foro Boario.

Il weekend del 14,15,16 giugno Villa Belvedere si farà cinema a cielo aperto. Organizzata dall’Associazione Arte, Terra e Cielo, una 3 giorni con 3 film dell’ultima stagione cinematografica. Possibilità di cenare al parco dalle ore 20 e ingresso gratuito. La settimana successiva l’evento dedicato al buon cibo del territorio e alle buone birre: C’è Fermento torna un po’ più “maturo”. Quest’anno il Salone compie 10 anni, un traguardo importante segno che la scommessa dell’estate 2009 è stata vincente. Si parte anche quest’anno il giovedì 20 giugno e si
concluderà domenica 23. Alcune importanti novità attendono gli amanti della birra artigianale. Saranno 21 quest’anno i birrifici ma 3 di questi saranno internazionali. Un birrificio belga, uno tedesco e uno inglese per raccontare, proprio in occasione del decennale, i 3 stili, le 3 scuole che guidano la realizzazione della bevanda più antica al mondo. 12 i truck food che sapranno proporre ottimi cibi in abbinamento e non mancheranno musica, laboratori e incontri. I cortili della Ex Caserma si apriranno al pubblico dalle 18 del giovedì: ad aspettarlo l’immancabile bicchiere in vetro, la pinta, e il gettone tutti nuovi e fiammanti, pronti per la decima edizione.

Venerdì 21 e domenica 23 giugno a Saluzzo ci sarà anche la Festa della Musica così come nelle più grandi città Europee. Animazioni musicali nel centro storico, il concerto della corale Tre Valli, lo spettacolo di danza della Scuola Mezze Punte.
E in un attiamo si arriva a luglio. Si parte sabato 6 con un’altra bella serata in piazza per dare il via ai saldi estivi.
Una nuova collaborazione con Massimo Rea di On the corner saprà portare una ventata di freschezza e novità. Globo Summer Festival sarà la serata che vedrà coinvolte 10 vie che diventeranno 10 pianeti, 10 aree tematiche e che sapranno animare la città per una notte intera.
Questa serata darà il via a Saluzzo Fuori Orario con le aperture serali dei negozi nei giovedì 11, 18 e 25 luglio. Non mancheranno le visite guidate ai musei e i laboratori per famiglie organizzati magistralmente da Coopculture con il Comune Di Saluzzo.

E Saluzzo si riconfermerà ancora una volta città della musica. Una grande artista italiana farà da apripista al Festival Occit’amo.
Carmen Consoli lunedì 8 luglio canterà nel cortile dell’Ex Caserma e a partire dal weekend il Festival Occit’amo tornerà ad animare le vallate. Un programma ricchissimo che apre con un grande nome del panorama nazionale. Dal 13 al 21 luglio protagonista sarà la musica antica con il MOF, Marchesato Opera Festival; la rassegna Suoni dal Monviso il 27 luglio porterà sempre in Caserma un omaggio a Morricone;
la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale e la Scuola Suzuki, faranno il resto con i concerti a Saluzzo, spettacoli teatrali e la rassegna Chitarrissima 2019 nei luoghi storici della città.

Confermato per i mercoledì sera di luglio il Cinema all’aperto itinerante della Fondazione Bertoni. I titoli sono in via di definizione ma le location sono definite e ci sono alcune belle novità. 7 le tappe. Si parte mercoledì 3 in Via Barge, e poi il 10 luglio tutti a Cervignasco per il cinema in versione pic-nic. La proposta è quella di portare coperte e plaid per un cinema sotto le stelle in versione più “libera”. Si prosegue mercoledì 17 nel quartiere Maria Ausiliatrice, il 24 in via Pignari e il 31 a San Lazzaro.

Per il mese di agosto 2 nuove location. Mercoledì 7 agosto tutti al Parco Tapparelli e non poteva mancare Castellar che ospiterà il cinema mercoledì 21 agosto in piazza Cavalier Tomatis. Ogni proiezione avrà inizio alle 21.15 circa e in caso di pioggia verrà annullata.

Un grazie particolare ai locali aderenti alla Notte Rosa e ad Effetto Notte!

Il calendario completo degli appuntamenti della rassegna Saluzzo Estate è scaricabile dal sito www.fondazionebertoni.it

Info: Fondazione Amleto Bertoni – Città di Saluzzo – Tel. 0175 43527 – 346 9499587

www.fondazionebertoni.it;info@fondazionebertoni.it

SVUOTA LA CANTINA DI DOMENICA 19 MAGGIO, RINVIATO A DOMENICA 16 GIUGNO

Visto il peggioramento delle condizioni atmosferiche e l’abbassamento delle temperature, lo Svuota la Cantina viene rinviato a domenica 16 giugno 2019